Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Wind Jet, gli ex lavoratori in piazza Università
«Cerchiamo l'appoggio delle istituzioni»

Sono tornati a manifestare i dipendenti della ormai ex compagnia aerea etnea. Questa mattina, davanti alla sede del Comune di Catania, erano una ventina, «in rappresentanza di un centinaio di lavoratori di tutti i reparti». «Tra le nuove compagnie e l'apertura di Comiso, il ricollocamento anche di dieci persone sarebbe un buon risultato», spiega una delle manifestanti. E si fa avanti l'ipotesi di un impiego nei nuovi progetti turistici previsti dal Pua

Leandro Perrotta

«Il nostro è un tentativo: coinvolgere le istituzioni locali, a partire dal Comune e dalla Regione Sicilia, per riconsiderare la nostra posizione di lavoratori specializzati». Una ventina di ex dipendenti Wind Jet è da stamattina in piazza Università, di fronte alla sede del Comune di Catania. Manifesti e cartelli «offresi» appesi al collo, i lavoratori sono attualmente tutti in cassa integrazione. Sono tornati a protestare, a quasi due anni dalla cessazione dell'attività della low cost etnea «in un periodo di novità per l'aeroporto catanese, con l'arrivo di molte compagnie dall'estero e l'apertura dello scalo di Comiso, la ricollocazione di anche dieci ex Windjet sarebbe un buon risultato», spiega Antonella Ricca, lavoratrice dei servizi a terra della ex compagnia etnea.

Ma in piazza, a protestare, non ci sono solo amministrativi. «Siamo qui, in rappresentanza di un centinaio di lavoratori di tutti i reparti, compresi i piloti: anche per loro, che hanno trovato sistemazione a tempo determinato in giro per il mondo, la situazione è la stessa che per tutti gli altri, di precariato», spiega Valentina Barbagallo, anche lei lavoratrice amministrativa. «Abbiamo inviato il nostro comunicato relativo alla manifestazione ai sindacati e al Comune - continua Barbagallo - con cui negli scorsi giorni abbiamo avuto contatti tramite un consulente del sindaco (Giuseppe Idonea, ndr), che ha manifestato interesse per la nostra situazione». L'ipotesi più accreditata sembrerebbe quella di una ricollocazione di parte degli oltre 400 lavoratori all'interno delle varie attività che dovrebbero nascere con il nuovo progetto Pua, il piano urbanistico attuativo che ridisegnerà il volto della Playa, con la costruzione di nuovi alberghi e strutture turistiche. «E' una ipotesi che si fa da tempo - conferma Barbagallo - ma noi siamo lavoratori specializzati nel settore aereo, con abilitazioni specifiche», spiega.

In attesa di una risposta dalle istituzioni - una delegazione dei lavoratori è stata ricevuta dal vicesindaco Marco Consoli nel primo pomeriggio -, gli ex Wind Jet non hanno abbandonato l'ipotesi di un appoggio a livello sindacale. «E' vero che molti lavoratori si sono detti delusi e non hanno rinnovato l'iscrizione a Cgil, Cisl e Uil - continua Barbagallo - ma la maggior parte è ancora iscritta e riconosciamo l'importanza delle rappresentanze dei lavoratori. Che spero ci diano una mano», conclude l'ex dipendente della compagnia aerea etnea.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×