Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Wind Jet vs Alitalia, chiesta l'archiviazione
Irregolarità sulla trattativa al vaglio del Gip

La mancata acquisizione della compagnia etnea da parte del vettore nazionale nell'agosto di due anni fa aveva spinto il patron Antonino Pulvirenti a presentare un esposto alla Procura. A seguito delle indagini, i pubblici minsteri hanno chiesto l'archiviazione: non ci sarebbero gli elementi per sostenere l'accusa di estorsione aperta. Sarà il giudice, forse nella prossima settimana, a decidere se accogliere la richiesta, procedere con il rinvio a giudizio o con ulteriore approfondimenti

Redazione

Ad agosto del 2012 sembrava cosa fatta l'acquisizione di Wind Jet da parte di Alitalia. Finì invece con un nulla di fatto, con la cessazione delle attività della low cost etnea, una richiesta di risarcimento di 162milioni di euro e un esposto del presidente Antonino Pulvirenti alla Procura per presunte scorrettezze del vettore nazionale nella fallita trattativa, in particolare l'accusa era di tentativo di estorsione aperta. La Procura di Catania ha chiesto l'archiviazione dell'inchiesta nata da quella denuncia, contro cui ha fatto ricorso Windjet. Il fascicolo è passato quindi in udienza camerale che si è celebrata oggi davanti al Gip Alessandro Ricciardolo. Il giudice si è riservato la decisione che potrebbe arrivare la prossima settimana. Tre le possibili soluzioni: che il gip confermi l'archiviazione come chiesto dalla Procura, che disponga l'imputazione coatta e il rinvio a giudizio o che ordini nuovi indagini per approfondire.

Erano stati mesi di incessanti trattative quelli dell'estate di due anni fa: prima la creazione di una newco finalizzata alla vendita ad Alitalia, quindi il controverso parere favorevole dell'Antitrust all'operazione, infine il passo indietro del gruppo Cai dovuto sia alle condizioni restrittive poste dall'Autorità di garanzia, sia, secondo Alitalia, alla mancata presentazione dei documenti richiesti sul bilancio e sulla situazione patrimoniale della compagnia catanese. Una mossa a cui Pulvirenti aveva reagito con veemenza. Dopo il suo esposto alla Procura, la Guardia di finanza aveva sequestrato documenti sia nella sede di Windjet sia in quella di Alitalia. Un caos pagato prima di tutto da migliaia di passeggeri rimasti a terra e da centinaia di lavoratori ancora in cassa integrazione. Nel frattempo, lo scorso maggio, il tribunale fallimentare di Catania aveva dato il via libera al concordato preventivo chiesto dalla compagnia etnea.

Resta aperto un altro fascicolo della Procura di Catania che indaga anche su presunti reati nella gestione societaria della low cost e in particolare nella redazione della documentazione contabile.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×