Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Metropolitana, dieci rinvii a giudizio
A processo imprenditori e funzionari Fce

Il gip Maria Paola Cosentino ha accolto la richiesta dei sostituti procuratori Agata Santonocito e Antonino Fanara, rinviando a giudizio dieci imputati nell'inchiesta per la realizzazione dei tratti Borgo-Nesima e Giovanni XXIII-Stesicoro, dove sarebbe stato usato cemento depotenziato. Le accuse, a vario titolo, sono di truffa aggravata, falso e frode nelle pubbliche forniture. Compariranno davanti ai giudici Santo Campione, amministratore delegato della Sigenco, Tuccio D’Urso, all’epoca direttore dell’ufficio speciale emergenza traffico, e uomini del ministero del Lavoro

Redazione

Sono stati rinviati a giudizio dieci imputati nell'inchiesta sui lavori alla metropolitana di Catania, in particolare relativi ai tratti, ancora in costruzione di Borgo-Nesima e GiovanniXXIII-Stesicoro. Il gip Maria Paola Cosentino ha quindi accolto la richiesta dei sostituti procuratori Agata Santonocito e Antonino Fanara. Le richieste di rinvio a giudizio erano dodici, ma è stata stralciata la posizione dell'imprenditore Enrico Maltauro, coinvolto nelle indagini su Expo 2015, e Giuseppe Chiofalo, ex capo della segreteria tecnica del sottosegretario ai Trasporti Raffaele Gentile. Entrambi erano accusati ci corruzione. Gli atti erano stati trasferiti a Messina per competenza. Per tutti gli altri le accuse a vario titolo sono di truffa aggravata, falso e frode nelle pubbliche forniture. Per realizzare i nuovi segmenti della metropolitana sarebbe stato usato cemento depotenziato o di qualità inferiore rispetto al capitolato d'appalto. Il processo inizierà il 10 novembre davanti la seconda sezione penale del Tribunale di Catania.

Coinvolti imprenditori, funzionari della Ferrovia Circumetnea, professionisti privati e uomini del ministero del Lavoro. In particolare Santonocito e Fanara avevano chiesto il rinvio a giudizio per Santo Campione, amministratore delegato della Sigenco, la ditta capofila del consorzio Uniter che si è aggiudicato l’appalto, accusato di truffa e frode; Tuccio D’Urso, all’epoca direttore dell’ufficio speciale emergenza traffico, accusato di falso; per truffa e frode Salvatore Innocente, capo cantiere della tratta Borgo Nesima, Salvatore Forzese, capo cantiere della tratta Giovanni XXIII-Stesicoro, Antonino Millazzotto, direttore tecnico della Sigenco e Salvatore Fiore, dirigente tecnico e direttore dei lavori della Ferrovia Circumetnea.

Accusata di falso Elena Molinaro, dirigente del dipartimento del ministero dei Trasporti. In riferimento al crollo del tratto di carreggiata in via Bolano, sono accusati di disastro colposo, Roberto De Pietro, nella qualità di coordinatore pianificazione della Fce, Santo Campione e Salvatore Innocente.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×