Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Omicidio Nicolosi, Luca Priolo affetto da ansia 
I suoi legali chiedono l'affido a una comunità

Gli avvocati dell'assassino di Giordana Di Stefano hanno presentato la richiesta al tribunale del riesame etneo per l'annullamento della custodia cautelare. Il provvedimento era stato emesso dal giudice per l'indagine preliminare. L'ipotesi é l'affidamento all'associazione Exodus di don Antonio Mazzi

Redazione

«Luca Priolo è affetto da crisi di ansia e depressione che possono portarlo al suicidio, se si dovesse aggravare». L'analisi sullo stato di salute dell'uomo che confessato il delitto dell'ex compagna Giordana Di Stefano -  uccisa con 45 coltellate nella periferia di Nicolosi - è dei legali Sergio Di Mariano e Gaetano Agosta. Motivo per cui hanno chiesto al tribunale del riesame di Catania l'annullamento dell'ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per l'indagine preliminare e l'affidamento del giovane alla comunità di recupero Exodus guidata da don Antonio Mazzi. Un'associazione che peraltro si era già mostrata disponibile ad accogliere il ventiquattrenne.

La procura di Catania, tramite il pubblico ministero Alessandro Sorrentino, ha dato parere negativo. Nonostante Di Mariano e Agosta abbiano presentato una consulenza psicologica e una psichiatrica. La decisione è comunque attesa per i prossimi giorni. Nel frattempo, Priolo continua a negare la premeditazione dell'omicidio e ribadisce che il movente è da collegare a «un raptus del momento» dovuto alla «volontà» di Giordana Di Stefano di non revocare la denuncia per stalking nei suoi confronti, per la quale il giorno del delitto si sarebbe tenuta la prima udienza. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×