Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via Calatabiano, lenzuola dipinte appese a ringhiere 
La solidarietà degli artisti catanesi agli occupanti

Sei famiglie, tre settimane fa, hanno occupato l'edificio. Sabato il timore dello sgombero, domenica - ma era già stata programmata ben prima - la manifestazione di vicinanza alla loro causa, che è sostenuta dal Comitato casa x tutti e dal collettivo Aleph. Guarda le foto

Marco Di Mauro

Foto di: Comitato casa x tutti

Foto di: Comitato casa x tutti

È una  domenica di sole nel quartiere Borgo. Lungo via Calatabiano, dalle case che affacciano sulla strada, penzolano le lenzuola stese ad asciugare. Nulla di strano senonché quelle appese allo stabile numero 49 - prima disabitato, e che da tre settimane accoglie sei famiglie di occupanti - sono state trasformate in grandi fogli bianchi, sui quali sono dipinti dei disegni, delle figure, delle opere d'arte. Alcuni degli autori sono artisti catanesi che hanno scelto di manifestare la propria vicinanza all'occupazione dell'edificio, sostenuta dal Comitato casa x tutti e dal collettivo Aleph. Manifestazione, organizzata giorni fa, che arriva meno di 24 ore dopo le tensioni per un sospetto tentativo di sgombero da parte delle autorità. 


Il volto di Bob Marley, un catenaccio aperto, un grande cuore rosso riparato sotto un tetto, una casa che sfugge ai tentacoli di una piovra. Sono queste le opere realizzate in strada dagli artisti, la stessa mattina, e poi appese al sole sulle ringhiere dell'abitazione occupata da circa una trentina di persone. «La casa è di chi l'abita» c'è scritto su uno stretto lenzuolo che pende dal balcone centrale, al primo dei due piani. Gli altri disegni sono stati realizzati dai bambini e dalla bambine che vivono negli appartamenti dell'edificio, che il giorno prima sembrava dovesse essere sgomberato dalle forze dell'ordine, arrivate di mattina all'ingresso della costruzione.  

Alla vista delle autorità, quattro degli occupanti si sono barricati sul tetto. E una delle donne ha minacciato: «Se non mi date casa mi butto». Tensioni terminate solo dopo che sirene e divise, fatto un sopralluogo che ha accertato l'agibilità della struttura, hanno lasciato la zona. La manifestazione era stata programmata già prima che tutto ciò accadesse. «Il lenzuolo steso è un simbolo di casa, tranquillità, quotidianità - commentano dal Comitato casa x tutti - L'immobile è diventato una vera e propria esposizione artistica a cielo aperto». Le lenzuola resteranno esposte per una settimana. «C'è una città viva che si muove, sfidando l'immobilismo della nostra amministrazione e i giochi speculativi», concludono dal Comitato, che si batte perché il Comune regolarizzi la situazione degli occupanti di via Calatabiano, promuovendo un accordo coi proprietari, e rimetta nella sua agenda l'emergenza casa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×