Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aci Catena, il cicloturismo tra rifiuti ed eternit
Inaugurato a maggio, dimenticato dal Comune

Tante le opportunità connesse a un settore che in Europa coinvolge migliaia di persone: dalla riscoperta dei luoghi dimenticati al rilancio dell'economia locale. Il progetto, promosso dal Movimento 5 stelle, era stato sposato dalla giunta Maesano: «Nessuna manutenzione», dicono gli attivisti. Guarda le foto

Simone Olivelli

Più che un sogno tramontato, una precoce illusione. A distanza di sette mesi dall'inaugurazione, il destino dell'itinerario cicloturistico ad Aci Catena sembra essere definito. Rifiuti, vegetazione incontrollata e generale abbandono caratterizzano, infatti, diversi tratti dei dieci chilometri di quello che è stato battezzato con il nome Le vie dell'acqua, per la presenza di saie e corsi d'acqua lungo il percorso. A denunciare lo stato di degrado è il Movimento 5 stelle, che a maggio fu il principale promotore del progetto. Che, sposato senza titubanze dall'amministrazione comunale, doveva servire non solo a riscoprire luoghi dimenticati ma, sul lungo periodo, a creare nuove opportunità per l'economia locale.

Il mondo del cicloturismo, infatti, è una realtà più che diffusa a livello internazionale. Con migliaia di persone che ogni anno scelgono di viaggiare a bordo di una bicicletta, dando vita a un vero e proprio business capace di produrre ricavi diretti e un indotto da non sottovalutare. Tutto questo, però, non ad Aci Catena. Dove l'itinerario sembra essere stato dimenticato da tutti. Eccetto i loro promotori, che dopo aver accolto con soddisfazione la partecipazione del Comune nella realizzazione del progetto, adesso attacca la giunta guidata da Ascenzio Maesano: «Si tratta di uno dei percorsi cicloturistici più suggestivi e tra i pochi forniti di opportuna segnaletica in provincia di Catania - dichiarano gli attivisti -. Si percorrono strade antiche in basolato lavico e vecchie carrarecce con l’Etna da un lato ed il mare dall’altro, si pedala a fianco delle saie più lunghe e in perfetta attività dell’intera zona delle Aci, eppure è stato abbandonato».

Le critiche, però, non riguardano soltanto la mancata manutenzione, ma anche la cattiva comunicazione: «Nessuna pubblicità è stata fatta per promuovere e divulgare questa risorsa economica e culturale - continuano - né è possibile trovare informazioni sul sito del Comune. A mancare è un po' tutto: una mappa del tracciato da seguire, le notizie storiche, i punti di interesse». E comunque le difficoltà non mancherebbero anche per chi, nonostante tutto, volesse intraprendere l'itinerario: «Nessuna pulizia dei luoghi è stata effettuata con regolare cadenza e oggi interi tratti delle saie sono scomparsi, perché sommersi dai cespugli - spiegano gli attivisti -. Ma i problemi sono anche più gravi. In più punti - concludono - si trovano discariche, con tanto di eternit abbandonato, e punti in cui vengono bruciati rifiuti pericolosi».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×