Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caltagirone, aggredita 29enne di Como
Macchie di sangue in casa di un 33enne

La donna si è presentata al pronto soccorso all'alba di ieri con diverse lesioni. Ferite che, secondo il suo racconto, si sarebbe procurata cadendo in strada. La versione non ha convinto i carabinieri che sono risaliti a un uomo originario della città calatina. Nel suo appartamento i militari hanno trovato numerose tracce ematiche

Redazione

Un trauma cranico, il setto nasale rotto, lesioni all'orecchio destro ed escoriazioni addominali. Sono le ferite - per una prognosi di 40 giorni - riscontrate a una 29enne, originaria di Como, che all'alba di ieri si è presentata in stato di shock al pronto soccorso dell'ospedale di Caltagirone. La donna ha raccontato ai medici di essere caduta a terra, in strada, e di aver ricevuto un primo aiuto da parte di uno sconosciuto; nella cittadina calatina in vacanza, ha riferito di essere ospite di alcuni amici dei quali non avrebbe ricordato l'indirizzo. Ma la versione della vittima non ha convinto il personale della struttura né i carabinieri intervenuti nel frattempo. 

Dalle prime indagini dei militari è emerso il nome di un 33enne di Caltagirone, Alessandro Furnari, conosciuto dalla donna nel marzo 2015 in provincia di Varese, a Saronno. Dai racconti di alcuni testimoni, compresa la vittima, è emerso che i due - legati da un rapporto sentimentale - avrebbero avuto una pesante lite nella notte tra sabato e domenica. Una discussione iniziata in un locale pubblico e culminata nell'appartamento, dove Furnari avrebbe colpito la donna con pugni e schiaffi prima di gettarle gli effetti personali in strada.

L'uomo - già noto alle forze dell'ordine per reati come rissa aggravata, lesioni personali, porto illegale di armi - ha confermato di aver ospitato la 29enne nel suo appartamento nel centro storico di Caltagirone. Secondo la sua versione, la donna si sarebbe ferita cadendo accidentalmente. Ma perquisendo la casa i carabinieri hanno trovato diverse macchie di sangue sul pavimento, su un muro della cucina e sul divano. 

Alessandro Furnari si trova adesso nel carcere calatino. L'accusa nei suoi confronti è di lesioni personali gravissime

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×