Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, il crowdfunding dei liceali per viaggiare
«Impariamo nelle città più innovative d'Europa»

Al termine di un percorso triennale di alternanza scuola-lavoro, realizzato in collaborazione con l'università di Catania, circa 180 studenti - aiutati da genitori e docenti - hanno messo in piedi alcune campagne di raccolta fondi. L'obiettivo è andare a conoscere i giovani startupper migliori a livello europeo

Flavia Musumeci

«Ci siamo messi in gioco perché vogliamo che i ragazzi prendano spunto da contesti nuovi e traggano idee da realizzare qui. Il rischio è che vadano fuori a fare impresa, che emigrino. La scommessa è che tornino qui con idee e maggiori competenze». È l'obiettivo di Riccardo Biasco, dirigente scolastico del liceo Archimede di Acireale. Nell’istituto acese sono 46 i ragazzi che a conclusione del percorso di alternanza scuola-lavoro hanno lanciato una raccolta fondi per finanziare un social tour innovation, un viaggio nelle città europee più attive nel campo dell’innovazione, per un confronto fra start-up.

Le campagne sulla prima piattaforma di crowfunding per le scuole italiane, School raising, sono quattro: Andiamo a Berlino per imparare a fare impresa, Your valence for our Valencia, Fly up to Praga e Road to Berlin), e tre le destinazioni previste: Berlino, Praga e Valencia. I viaggi sono la conclusione di altrettanti percorsi di alternanza scuola lavoro condotti da quattro classi dell’istituto Archimede in collaborazione con il dipartimento di Economia e Impresa dell’università di Catania, che ha curato l'ideazione e la gestione del progetto, proponendo il modello dell'impresa simulata. «Abbiamo consentito, così, a circa 180 studenti di ripercorrere in laboratorio tutte le tappe che portano all'avvio di un progetto imprenditoriale», interviene Rosario Faraci, docente ordinario di Economia e gestione delle imprese nell'ateneo e coordinatore scientifico dell’intero progetto triennale di alternanza .

I ragazzi avrebbero così acquisito le competenze necessarie per fare impresa. Da quelle trasversali, «come lavorare in gruppo e comunicare correttamente i risultati del proprio working project – spiega Faraci a MeridioNews - alle competenze specialistiche, come la redazione del business model e le analisi di mercato». L’idea della partecipazione al social innovation tour è di Giovanna, mamma di una studentessa in partenza. «Mia figlia frequenta il quinto anno del liceo e all’inizio del suo terzo anno scolastico l’istituto ha dovuto avviare, per la prima volta, il percorso di alternanza scuola-lavoro – ricorda –. Con gli altri genitori abbiamo pensato di coinvolgere l’università di Catania». Non è stato subito semplice, però, per i ragazzi, integrare questa attività con quella curriculare.

«Non considero l’alternanza scuola-lavoro un intervento migliorativo della scuola, così com’è – commenta Giovanna - Per noi, però, è stata l’occasione di trasformare un problema in una opportunità». Sarà proprio il viaggio, secondo i genitori dei ragazzi dell’Archimede, il vero valore aggiunto di questo percorso iniziato tre anni fa. «Visitare i luoghi dell’innovazione e confrontarsi con gli imprenditori può significare vedere con occhi diversi il proprio territorio e – spiega Giovanna – al ritorno spero sia ben chiaro per loro che lo sviluppo di un territorio economicamente depresso come il nostro ha bisogno di innovazione e che l’innovazione non è un concetto astratto, ma è l’attività di persone che si sono messe in gioco».

La raccolta fondi, intanto, ha raggiunto il suo obiettivo. «Tre giorni prima della naturale scadenza ed è andata oltre l’importo che ci siamo prefissati - afferma Faraci - Ottanta donatori, fra cui alcune aziende, molti giovani e professionisti e qualcuno che ha preferito mantenere l'anonimato. C'è stata un'ondata di entusiasmo travolgente che è un credito di fiducia notevole verso la scuola, i ragazzi e le loro famiglie». «Per noi è stata un’esperienza positiva – dichiara Seby, un ragazzo del quinto anno che andrà a Valencia -. L’alternanza scuola-lavoro ha messo in luce quale formazione e quali requisiti servono a noi studenti per entrare nel mondo del lavoro, e all’estero potremo vedere cosa manca al nostro Paese, cosa di buono possiamo importare e mettere a frutto qui».

Martina, una ragazza pronta a partire per Berlino, fa un bilancio di questi anni. «I concetti che abbiamo acquisito nel triennio ci serviranno per tutta la vita – commenta – vogliamo consolidarli adesso, perché un giorno potremmo decidere di fare impresa». La somma raccolta, quasi cinquemila euro, servirà a coprire parte delle spese dei voli e dei trasporti locali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×