Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Omicidio in via Costarelli, c'è anche un terzo ferito
Al vaglio degli inquirenti la presenza di due italiani

L'agguato che ha portato alla morte di Florin Dinu e al ferimento di un ragazzo marocchino ha coinvolto anche un altro cittadino romeno, che però non sarebbe stato ricoverato al pronto soccorso. Al centro degli accertamenti della magistratura anche il possibile coinvolgimento nell'omicidio di un secondo uomo

Mattia S. Gangi

Un nuovo tassello si aggiunge al puzzle dell'agguato mortale a Florin Dinu, il 26enne romeno colpito al fianco da alcune pallottole calibro nove, insieme a un 23enne marocchino, all'esterno della discoteca Onda latina in via Scuto Costarelli. Come conferma la difesa della persona fermata dai carabinieri, M.V. - l'italiano medicato per ecchimosi facciali -, oltre ai due ragazzi è stato colpito un terzo cittadino romeno. Quest'ultimo, a causa della lieve entità delle ferite, non sarebbe stato portato al pronto soccorso dell'ospedale Vittorio Emanuele

Le accuse a carico del fermato, per il quale si attende domani il decreto di convalida, sono l'omicidio di Florin Dinu e il tentato omicidio di due persone. Al centro della valutazione dei magistrati ci sarebbe inoltre il possibile coinvolgimento di una seconda persona nell'assalto. Una versione che potrebbe coincidere con quanto raccontato raccontato a MeridioNews dal fratello della vittima, Ovidiu Dinu, che sarà chiamato come testimone nel procedimento penale che nascerà in questi giorni.

L'uomo parla infatti di due «ragazzi che parlavano italiano» arrivati nel locale notturno con l'intento di «insultare le nostre donne». Un gesto che, come racconta lo stesso Dinu, ha suscitato le ire dei suoi connazionali e ha portato al pestaggio di entrambi. Uno dei due, stando sempre alle parole del cittadino romeno, sarebbe poi «fuggito via, mentre l'altro è stato portato fuori». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×