Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, 31 arresti nella famiglia Cappello-Bonaccorsi
Fermato a Parma presunto boss Massimiliano Salvo

Agli indagati vengono contestati i reati di associazione mafiosa, estorsione e traffico di stupefacenti. La cosca avrebbe gestito piazze di spaccio nei quartieri di Librino e San Cristoforo. I sigilli sono scattati a Catania, in Calabria e in Campania. Sequestrate società attive nel settore dei rifiuti e dell'abbigliamento. Guarda il video

Redazione

Decine di arresti e sequestri milionari a società che operano nel settore della ristorazione, dei rifiuti e dell'abbigliamento. Tra gli arrestati nell'operazione c'è anche Massimiliano Salvo, detto u carruzzeri. L'uomo, ritenuto un esponente di spicco del clan Cappello, è stato fermato a Parma.

Sono questi i tratti salienti dell'ultima operazione antimafia, denominata Penelope, portata a termine dagli agenti della squadra mobile di Catania, che hanno arrestato 31 persone. Tutti appartenenti, secondo gli investigatori, al clan mafioso dei Cappello-Bonaccorsi.

Tra le attività scoperte durante le indagini ci sono ancora una volta le piazze di spaccio, che la cosca avrebbe gestito in alcuni tra i rioni popolari della città, come Librino e San Cristoforo. Agli arrestati vengono contestati i reati di associazione mafiosa, traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, esercizio arbitrario delle proprie ragioni con l'aggravante della violenza e intestazione fittizia di beni. I sigilli non sono scattati solo a Catania ma anche in Calabria e Campania.

Massimiliano Salvo è figlio dell'ergastolano Giuseppe, storico boss etneo, e fratello del pluripregiudicato Giampiero, attualmente recluso perché condannato quale uno dei killer della strage di Catenanuova, piccolo paesino dell'Ennese macchiato dal sangue nel 2008. Di Massimiliano Salvo si è tornato a parlare in occasione delle celebrazioni per la festa di Sant'Agata del 2015, quando la candelora degli ortofrutticoli ha sostato a lungo e ha fatto la tradizionale annacata in via Torre del vescovo, a pochi metri dall'abitazione in cui era allora già detenuto agli arresti domiciliari.

L'elenco completo degli arrestati.

Calogero Giuseppe Balsamo classe 1960, pregiudicato;
MassimilianoBalsamo classe 1975, pregiudicato;
Salvatore Balsamo classe 1985, pregiudicato;
Giovanni Bruno classe 1958, pregiudicato;
Sebastiano Calogero classe 1985, detto u picciriddu, pregiudicato;
Andrea Cambira classe 1963, pregiudicato, già detenuto per altra causa presso la Casa Circondariale di Agrigento;
Maria RosariaCampagna classe 1969, pregiudicata;
Giovanni Catanzaro, classe 1965, detto u milanisi, pregiudicato;
Carmelo Di Mauro classe 1986, pregiudicato;
Orazio Di Mauro classe 1982, pregiudicato;
Carmelo Gianninò classe 1963, pregiudicato;
Domenico Greco classe 1975, detto u ciociu, pregiudicato;
Giuseppe Guglielmino classe 1974, pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari per altra causa;
Carmelo Licandroclasse 1971, detto Melu fungia, pregiudicato;
Giuseppe Salvatore Lombardo classe 1967, detto Salvuccio ‘u ciuraru, pregiudicato, Sorvegliato Speciale di P.S;
Mario Lupica classe 1966;
Emanuele Giuseppe Nigro classe 1982;
Giuseppe Palazzolo classe 1966, detto Pippo ca’ lente, pregiudicato;
Giuseppe Piro classe 1991 pregiudicato;
Giovanni Matteo Privitera classe 1967, detto Peri ‘i iaddina, pregiudicato;
Antonio Fabio Rapisarda classe 1987 già detenuto per altra causa presso la Casa Circondariale di Catania - Piazza Lanza;
Giuseppe Ravaneschi classe 1969, detto Pippo pilu russu, pregiudicato;
Claudio Calogero Rindone classe 1981;
Salvatore Massimiliano Salvo classe 1982, detto Massimo ‘u carruzzeri, pregiudicato;
AntonioScalia classe 1987;
Santo Strano classe 1966, detto facci ‘i palemmu, pregiudicato, già detenuto per altra causa presso la Casa Circondariale di Voghera (PV);
Tommaso Tropea classe 1964, detto Racci, pregiudicato;
Mario Ventimiglia classe 1986, pregiudicato;
Luigi Sebastiano Vinci classe 1975;
Nunzia Zampaglione, classe 1977, detta Nancy.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×