Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via Dusmet, escrementi sull'altarino per Sant'Agata
Bianco:«Un atto blasfemo che offende i catanesi»

Dopo l'episodio dello scorso anno, l'effige della patrona di Catania è stata nuovamente dissacrata. «Il lancio del liquido misto a feci pare sia avvenuto stanotte, ma è stato scoperto solo alle 17», riferisce il comandante della polizia municipale Pietro Belfiore. E il sindaco lancia un appello: «Chi ha visto parli»

Leandro Perrotta

Un liquido maleodorante, probabilmente urina mista ad escrementi, è stato lanciato sull'effige dedicata alla patrona di Catania Sant'Agata, nella fontana di via Dusmet. L'episodio è stato denunciato intorno alle 17 dai proprietari della pizzeria sita proprio accanto all'altarino, «ma secondo i rilievi fatti grazie all'aiuto della polizia scientifica, arrivata intorno alle 17.30, il lancio del liquido misto a feci pare sia avvenuto questa notte», afferma a MeridioNews il comandante dei vigili urbani di Catania Pietro Belfiore, recatosi personalmente sul luogo per una verifica. Un atto vandalico identico era avvenuto il 30 gennaio 2016, «ma a differenza dello scorso anno, per fortuna il vandalo non è riuscito a centrare in pieno l'immagine di Sant'Agata». Dopo i rilievi l'altarino è stato ripulito dagli operai della ditta Oikos «tutto è tornato normale intorno alle 18.30».

L'altarino vandalizzatoSull'episodio il Comune ha già effettuato formale denuncia all'autorità giudiziaria, e il sindaco Enzo Bianco ha inviato un commento da Roma, dove si trova per parlare con il ministro dello Sviluppo economico «Si tratta di un atto esecrabile, blasfemo, che urta e offende la città e la sensibilità di ogni catanese», afferma il primo cittadino. Che si chiede: «Perché dissacrare, oltraggiare, offendere, quanto di più alto e sacro? Un'azione inaccettabile anche dal punto di vista laico e civico, estranea a qualsiasi forma di convivenza civile». Un'affermazione che trova conforto in quanto dichiarato subito dopo l'incidente dai gestori della pizzeria A pizza sutta l'acchi: «La nostra donna delle pulizie ha chiamato i vigili, se avessimo saputo prima saremmo intervenuti subito per prendere il responsabile di questo atto blasfemo, che non saprei come definire. Anche perché il lancio del liquido, come l'anno scorso, ha imbrattato anche una delle nostre porte d'ingresso».  

«Lancio un appello a tutti i nostri concittadini - conclude Bianco -, affinché chi abbia visto qualcosa, qualsiasi cosa, lo riferisca agli inquirenti in maniera da aiutarli nel loro lavoro di indagine. Dobbiamo essere uniti tutti, senza alcun distinguo, nel condannare questo atto spregevole e oltraggioso».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×