Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Vecchia Amt, nominato il nuovo commissario
La complicata liquidazione della bad company

Il dipendente comunale Roberto Giordano ha lasciato una settimana fa il suo ruolo di commissario liquidatore dell'ex azienda municipale dei trasporti. Una poltrona scomoda, su cui è rimasto seduto per meno di un anno. Lascia il posto a Salvatore Andò, ex consigliere comunale ed ex cda di Pubbliservizi, molto vicino a Bianco

Luisa Santangelo

È durato meno di un anno il mandato di Roberto Giordano, dipendente comunale e ormai ex commissario liquidatore della vecchia Amt, l'azienda municipale dei trasporti in liquidazione, finita più volte al centro delle cronache e delle polemiche. Una settimana fa Giordano si è dimesso dal suo ruolo, come rende noto l'ufficio stampa del Comune di Catania, e adesso è stato sostituito da Salvatore Andò, vicino al sindaco Enzo Bianco, ex consigliere comunale ed ex componente del consiglio di amministrazione della società partecipata provinciale Pubbliservizi.

Voci di corridoio dicono che Giordano, il cui incarico era a titolo gratuito, volesse dimettersi da tempo dalla carica. Un posto scomodo, che aveva occupato dopo la revoca dell'incarico a Giuseppe Idonea, ex braccio destro di Bianco e rimosso per quello che il Comune, in una nota stampa, aveva definito l'«accertamento di gravi responsabilità». Secondo l'accusa formulata dall'amministrazione, il fu consulente di comunicazione dell'attuale primo cittadino avrebbe gestito in maniera opaca l'affidamento di incarichi per oltre un milione di euro. 

Punti sui quali lo stesso Idonea si era difeso con forza, raccontando anche di presunte «pressioni» per alcuni pagamenti effettuate dall'ormai ex assessore al Bilancio Giuseppe Girlando, adesso accusato di tentata concussione. E coinvolto, oltre che in un'inchiesta della procura per cui rischia di dovere affrontare un processo, in un cortocircuito tra la politica e gli uffici comunali che i carabinieri di Catania, che lo hanno intercettato in diverse circostanze, definiscono sbagliato. E che emergerebbe da diverse conversazioni: non solo quella con la segretaria generale Antonella Liotta, ma anche quelle che vedono protagonista il vicesindaco Marco Consoli.

Dopo la revoca di Idonea e l'affidamento a Roberto Giordano, della bad company si è tornato a parlare quando il consigliere comunale Manlio Messina ha denunciato, in aula, ha denunciato due bonifici da 25 e 17 milioni di euro, inviati dai conti della cosiddetta vecchia Amt a quelli del Comune di Catania. Un modo per tamponare una situazione che rischiava di arrivare al collasso perché, a causa del ritardo dell'approvazione del rendiconto 2015, tardavano ad arrivare anche i trasferimenti da parte dello Stato. Col rischio che saltassero gli stipendi dei dipendenti comunali. Una vicenda finita anche in un esposto alla Corte dei conti e ancora non chiarita. Una patata bollente che adesso arriva nelle mani di Andò. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×