Foto di: Calcio Catania

Calcio Catania, pagelle dopo gara contro il Matera
Difesa invalicabile, Tavares è il migliore in campo

Adriano Nicosia

Sport – I giocatori catanesi sono usciti vittoriosi dal Massimino battendo la squadra fino a ora in testa alla classifica per 2 a 0. A segnare i gol decisivi sono stati Pozzebon e Di Grazia. Grazie al successo interno la formazione etnea si porta al settimo posto. Domenica prossima sfida con Akragas

Gli uomini guidati da Pino Rigoli sconfiggono la compagine lucana grazie alle reti di Pozzebon, che sigla la rete al debutto con la maglia etnea, e Di Grazia. La difesa è invalicabile, Tavares migliore in campo. Il Catania batte il Matera che, fino all’incontro con gli etnei era in testa alla classifica, per 2 a 0. Sotto la cornice di un pubblico delle grandi occasioni, protagonista è stato il neo-acquisto Pozzebon, strappato durante il mercato di gennaio proprio alla squadra lucana. Prestazione maiuscola della difesa che si è dimostrata invalicabile. Grazie al successo interno, il Catania si porta al settimo posto a quota 35 punti, in attesa dell’incontro di domenica contro l’Akragas.

Pisseri 6: La saracinesca rossazzurra non è quasi mai stata chiamata in causa grazie alla difesa che ha saputo ben arginare la controffensiva lucana. È la nona partita a reti inviolate per il portiere del Catania che, con una retroguardia così, può dormire sonni tranquilli.

Gil 7: Il difensore brasiliano disputa un’ottima partita sia in fase difensiva, anticipando gli attaccanti lucani e mordendo le caviglie agli avversari, sia in fase d’impostazione portandosi in avanti palla al piede in più di un’occasione. Solido ed efficace.

Bergamelli 7,5: Gara tosta per il regista della retroguardia che, con muscoli e intelligenza, tiene testa agli attaccanti lucani. Quando serve esce fuori il carattere, facendo pesare la sua stazza per contenere gli avversari. Esperienza e grinta sono gli ingredienti vincenti.

Marchese 7: In fase di copertura praticamente perfetto. Non spinge sulla corsia di sinistra come vorrebbe ma la sua esperienza è preziosa per l’andamento del match. In crescita.

Di Grazia 7: Impiegato come esterno destro nel centrocampo a cinque, soffre i primi minuti faticando a trovare la posizione. Ma a partita in corso il baby gioiello rossazzurro sale in cattedra, sfoderando un cross al bacio per Pozzebon e realizza su corner il gol del raddoppio, grazie anche ad una deviazione in area. Talentuoso.

Biagianti 7: Il capitano non molla mai, corre, lotta e intercetta molti palloni a centrocampo. Bravo anche nella fase di costruzione, la sua personalità emerge in una partita dai nervi tesi. Prezioso.

Scoppa 6,5: Dopo un primo tempo in sordina, il regista argentino trova vigore e carattere, buttandosi su ogni pallone. Pregevole qualche sua apertura per gli attaccanti. Disputa una sfida in crescendo, tra gli applausi del pubblico.

Mazzarani 6,5: A supporto delle punte, cerca di muoversi tra le linee per prendere il pallone e servirlo agli attaccanti. Lotta e si dimena, contribuendo al successo rossazzurro.

Djordjevic 7: Tanta corsa a servizio dei compagni. Corre come un fulmine sulla corsia di destra mettendo in difficoltà la difesa lucana. In crescita.

Pozzebon 7: Il centravanti, appena acquistato dal Messina, al suo esordio con la casacca rossazzurra firma la sua prima rete da centravanti di razza con una bella zuccata su cross di Di Grazia. Corre, pressa e si fa vedere spesso dai compagni. Tanta qualità a supporto della squadra.

Tavares 7,5: Altra prestazione positiva per l’attaccante portoghese che, anche se non va a segno, corre e lotta facendo salire la squadra. Partita di sacrificio, si è dimostrato un ottimo partner d’attacco insieme a Pozzenon, anche se l’intesa può migliorare. Man of the match.

Pino Rigoli (allenatore) 7,5: Vinto il duello con l’acerrimo rivale in panchina Gaetano Auteri, tecnico del Matera. La decisione di schierare il 3-5-2 ha dato ragione al coach rossazzurro che è riuscito a mettere in campo una squadra offensiva con maggiore densità a centrocampo, fattore che ha permesso di bloccare i lucani rendendoli inermi. Coraggiosa, e rivelatasi efficiente, la scelta di impiegare come coppia d’attacco Tavares e Pozzebon la cui intesa deve ancora migliorare.