Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio a 5, aggredita squadra etnea a Policoro 
«Sanzioni severe o ci ritiriamo da campionato»

Durante il match nella cittadina della Basilicata due tifosi locali hanno preso a pugni e spintoni l'allenatore della Meta C5 di San Giovanni La Punta. Quest'ultimo è stato portato al Pronto soccorso dove i sanitari gli hanno dato una prognosi di cinque giorni. Si paventa il ritiro del team. Guarda il video

Mattia S. Gangi

Una partita di futsal sicuramente sentita, in ballo le prime posizioni all'interno della classifica nazionale, si è trasformata in pochi minuti nel teatro di un'aggressione. A farne le spese l'allenatore del Meta C5 di San Giovanni La Punta Seby Giuffrida, colpito alla nuca, e i calciatori etnei Schacker e Ficili, raggiunti anch'essi da pugni e spintoni da parte di due tifosi della squadra ospitante, il Policoro, durante il match di ieri nella cittadina della Basilicata. «L'incontro si stava svolgendo normalmente - raccontano dalla squadra a MeridioNews -  eravamo in vantagio e sul 5 a 2 sono iniziate le prime provocazione verbali da due soggetti e dallo stesso presidente del Policoro». 

«Uno dei due, un tifoso, si è avvicinato alla panchina di plexiglass, dove c'era il nostro allenatore in seconda Seby Giuffrida - spiegano ancora - e ha dato uno scossone con un pugno, colpendolo da dietro tra le spalle e la nuca». L'urto avrebbe poi fatto cadere a terra l'uomo, facendolo svenire. «Mentre lo stavamo soccorrendo, l'altro aggressore ha sferrato un pugno a Schacker e un secondo a Ficili, fortunatamente colpito solo di striscio». Per l'allenatore, dopo essere stato portato al Pronto soccorso, i sanitari hanno predisposto cinque giorni di prognosi e di riposo assoluto, nonostante dalla Tac non si siano riscontrati danni importanti.   

Nonostante il fatto, spiegano ancora dal team etneo, «gli arbitri non hanno voluto sospendere la partita, sicuramente per non scaldare gli animi già tesi e ci hanno intimato di tornare in campo. I giocatori però - aggiungono - erano comprensibilmente scossi e, durante gli ultimi tre minuti che restavano, abbiamo perso per 5 a 6, anche se eravamo in vantaggio». Concluso il match, infine, i ragazzi di San Giovanni La Punta hanno aspettato un'ora che i tifosi andassero via, e sono stati scortati dalla polizia fino al loro pullman. Le forze dell'ordine hanno inoltre chiesto di consegnare tutti i filmati che lo staff della squadra ha fatto durante l'incontro con la sua telecamera go-pro, al fine di individuare e denunciare i responsabili. 

«Sul 2-5 non è stata più una partita - commenta il patron Enzo Musumeci -  con provocazioni che sono arrivate perfino dal presidente del Policoro coadiuvato e supportato poi dalle tribune da parte di questi due tifosi o forse è meglio definirli delinquenti. Dagli insulti - continua - si è passati ai fatti con una tribuna divelta e caduta addosso al nostro Giuffrida e pugni inflitti ai nostri giocatori da un tifoso entrato sul parquet. Insomma - aggiunge- un clima assurdo dove era impossibile continuare a giocare”.

«Dalla decisione che verrà presa dalla Divisione e dagli organi di giustizia sportiva passerà anche il futuro della Meta - conclude il presidente Musumeci -  perché sono pronto a ritirare la mia squadra se non vedrò immediata giustizia sull’accaduto”

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×