Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cara Mineo, chiesto rinvio a giudizio per 11 persone
Tra i nomi c'è anche quello della sindaca Anna Aloisi

L'udienza preliminare è stata fissata dal gip per il prossimo cinque aprile. L'inchiesta sul Centro di accoglienza per richiedenti asilo della cittadina calatina - che ospita 2.500 migranti -, per il filone delle cooperative sociali favorite negli affidamenti dei servizi dal Comune è coordinata dalla procura di Caltagirone

Redazione

Sono undici le richieste di rinvio a giudizio per altrettanti indagati nell'ambito dell'inchiesta sul Cara di Mineo della procura di Caltagirone per le cooperative sociali favorite negli affidamenti dei servizi dal Comune di Mineo. L'accusa, rappresentata dal procuratore Giuseppe Verzera, sostiene che gli indagati abbiano «acquisito in modo diretto o indiretto la gestione e il controllo delle cooperative sociali presenti nel territorio di Mineo e di lavori e servizi pubblici affidati dal Comune alle cooperative sociali riconducibili all'ex presidente del consorzio Sol Calatino, Paolo Ragusa, nel periodo compreso tra l'ottobre 2013 e l'agosto 2015». L'udienza preliminare è stata fissata dal gip per il prossimo 5 aprile.

Il provvedimento è stato emesso dal procuratore Giuseppe Verzera e dal sostituto Anna Andreatta a conclusione di un'articolata attività d'indagine condotta da carabinieri della sezione di polizia giudiziaria della procura di Caltagirone. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione a delinquere, concussione, corruzione, abuso d'ufficio e falso. Tra gli indagati, oltre Paolo Ragusa, capo della lista Uniti per Mineo e con ruoli di vertice in diverse cooperative sociali, il sindaco di Mineo, Anna Aloisi, un ex consigliere comunale, dirigenti e impiegati del Comune e alcuni dipendenti di cooperative che svolgevano prestazioni per conto di Ragusa. 

Al centro di indagini, che si sono avvalse di attività tecniche e documentali, ci sono gli appalti per la gestione di strade e verde e di altri servizi all'interno e all'esterno del Centro accoglienza richiedenti asilo di Mineo, la struttura nella Piana di Catania che è il più grande Cara d'Europa con circa 2.500 migranti ospiti. Questa della Procura di Caltagirone è una delle inchieste satellite che ruotano attorno al Cara. Di quella sull'appalto principale sulla gestione del centro è titolare la procura distrettuale di Catania.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×