Chiudi ✖
15

Foto di: Sportube

Calcio, Lecce-Catania finisce uno a zero
Rossazzurri fuori dalla griglia dei playoff

Adriano Nicosia

Sport – Gli etnei, attualmente guidati da Giovanni Pulvirenti, escono sconfitti dallo stadio salentino Via del mare, subendo il gol decisivo per il match all'inizio della ripresa. Dopo un avvio di gara equilibrato, sono i padroni di casa a tenere le redini della partita per quasi tutti i 90 minuti. La squadra catanese, adesso, è ferma a quota 39 punti

Il Catania affonda a Lecce, capitolando per 1 a 0 contro i salentini, autori di una partita non eccelsa dal punto di vista tecnico ma efficace per compattezza e tenuta atletica. I rossazzurri, nonostante l’ennesima scossa data dal tecnico ad interim Giovanni Pulvirenti, non sono riusciti a fare punti e hanno perso la seconda gara consecutiva. Nel primo tempo il tecnico rossazzurro si affida al 3-5-2 con Gil e Marchese a fianco di Bergamelli in difesa, Djordjevic e Parisi sulle corsie esterne a centrocampo, mentre in avanti spazio a Mazzarani e Pozzebon. I salentini, allenati da Padalino rispondono invece con un 4-3-3, modulo con Caturano e Doumbia, pronti a far male.

Dopo un avvio equilibrato, sono i padroni di casa a tenere le redini del gioco, mentre il Catania timidamente cerca di far male nelle ripartenze. Al 17esimo è il Lecce che prova a impensierire gli avversari con Pacilli e il suo sinistro a spiovere, ma il pallone sorvola di non molto la traversa etnea. Poco dopo, al 21esimo, ci prova il Catania con Mazzarani che dal limite dell’area pugliese lascia partire un gran tiro che si spegne di poco a lato. Alla mezz’ora sono ancora i padroni di casa a rendersi pericolosi con Cosenza che lascia partire un gran tiro di destro, respinto con prontezza da Pisseri. Sul finale del primo tempo il Lecce prova a scardinare la difesa etnea, ma i rossazzurri rimangono a galla grazie a Pisseri che vola sul palo lontano dopo la botta di Fiordilino, e al 46esimo smanacciando su punizione un pallone molto pericoloso.

La ripresa si apre con una doccia fredda per i rossazzurri: al 50esimo minuto è Costa Ferreira che, con un gran tiro dai 25 metri, trova la rete del vantaggio, insaccando la sfera alle spalle di Pisseri. Il Catania accusa purtroppo il colpo e, a gran fatica, prova a reagire, ma sono sempre i salentini ad avere il pallino del gioco. Pulvirenti nella speranza di invertire la rotta decide di togliere dalla mischia Di Grazia per Scoppa e Djordevic per Tavares, optando per un 4-3-3. Gli etnei però non riescono a essere incisivi, soffrendo la qualità e la compattezza del Lecce in zona mediana che, abilmente, conclude il match in vantaggio di un gol. Sconfitta cocente per i rossazzurri che, in virtù dei risultati delle concorrenti, sono adesso fuori dalla griglia playoff all’undicesimo posto a quota 39 punti.

Tabellino

Marcatori: 51′ Costa Ferreira

Formazione Lecce (4-3-3): Perrucchini; Ciancio, Cosenza, Giosa, Agostinone; Costa Ferreira, Fiordilino, Tsonev (90′ Maimone); Doumbia (65′ Lepore), Caturano (73′ Marconi), Pacilli.

Formazione Catania (3-4-2-1): Pisseri; Gil Drausio, Bergamelli, Marchese; Parisi, Biagianti, Bucolo (60′ Fornito), Djordjevic (76′ Tavares); Di Grazia (76′ Scoppa), Mazzarani; Pozzebon.

Ammoniti: Fiordilino, Bucolo, Biagianti, Giosa, Scoppa, Gil Drausio, Mazzarani.