Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, ladri visitano la scuola di viale Kennedy
Muri devastati, rubati i computer e attrezzatura

I malviventi sono entrati in azione ancora una volta nell'istituto che ormai da settimane è interessato da lavori di rifacimento della copertura. Rammaricata della situazione, l'assessora Valentina Campisano spiega: «Stiamo studiando il contratto per capire a chi spetta la vigilanza notturna». Guarda le foto

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Ancora una volta il plesso scolastico di Viale Kennedy di Paternò è finito nel mirino dei ladri. I vandali erano già entrati in azione a febbraio con un copione che adesso si è ripetuto ancora, con sei buchi nelle pareti di alcune stanze dell'edificio e la razzia di cinque computer, un proiettore, un microscopio e alcuni strumenti della ditta che è impegnata nei lavori di rifacimento della scuola. Sono stati proprio gli operai a scoprire l'intrusione.

Sono ormai passate più di sei settimane da quando, proprio a causa dei lavori, 21 classi sono state spostate in altri edifici pubblici cittadini. A interdire il plesso era stato il dirigente del comprensivo Don Milani, Carmelo Santagati. La struttura non sarebbe stata sicura per alcune carenze nella certificazione sulla sicurezza. Non è ancora del tutto chiaro da quale parte della scuola i malviventi siano riusciti a entrare, favoriti forse dall'assenza del sistema d’allarme rubato in passato. Arrabbiati per la situazione la vice preside del comprensivo Agata Caudullo, la direttora didattica Agata Paratore e la vicaria del plesso di viale Kennedy Barbara Spoto che, per evitare il peggio, hanno preferito portare via tutto dalla scuola.

Sul posto anche i carabinieri del nucleo operativo radiomobile che hanno effettuato un accurato sopralluogo dentro l’edificio alla ricerca di elementi utili per individuare i responsabili. Per gli inquirenti coloro che hanno agito potrebbero essere soggetti che ben conoscono la struttura. I danni ammonterebbero a migliaia di euro. «Stiamo verificando alcuni aspetti per fronteggiare l’emergenza - spiega a MeridioNews Valentina Campisano, assessora alla Pubblica istruzione, che assieme al collega di giunta Salvatore Messina ha effettuato nella tarda mattinata di oggi un accurato sopralluogo -. Dobbiamo rileggere il contratto d'appalto stipulato con l’azienda che sta eseguendo gli interventi per capire a chi spetta la vigilanza notturna. E ancora con lo stanziamento di 52 mila euro necessari per riqualificare l’impianto elettrico e metterlo così a norma. Vedremo poi quando potremo iniziare a ritrasferire le classi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×