Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio, Lo Monaco si prepara al match col Foggia
«Basta con le critiche, playoff ancora alla portata»

In vista della gara di domenica prossima il direttore dei rossazzurri parla della situazione attuale della squadra e, in uno slancio di ottimismo verso i prossimi risultati, dice: «Siamo in crisi di risultati, ma possiamo ancora farcela». Sui debiti della società chiarisce inoltre: «A giugno salderemo quelli delle passate stagioni»

Adriano Nicosia

L’amministratore delegato Pietro Lo Monaco torna a parlare e lo fa dinnanzi ai microfoni dei cronisti nella roccaforte di Torre del Grifo. Il dirigente etneo, peraltro mai banale, ha analizzato la situazione attuale in cui versa il Catania Calcio, sia dal punto di vista sportivo che da quello societario, con una situazione debitoria che seppur in diminuzione appare ancora importante.

Con toni pacati e chiari Lo Monaco sottolinea: «Nel giro di tre partite siamo precipitati al dodicesimo posto, e ciò descrive la crisi in cui siamo impelagati, questo dal punto di vista tecnico». Sull’andamento dei rossazzurri in campionato Lo Monaco prosegue: «Prendiamo atto del momento negativo, la squadra sembra anche aver paura e timore di giocare il pallone».

L’amministratore delegato non lesina di lanciare una frecciatina alla stampa e all'ambiente etneo, ribadendo: «ci sentiamo tutti giudici, capisco che la piazza è abituata a palcoscenici importanti, ma la Lega Pro è dura e vincere non è mai facile». «Noi abbiamo scontato una penalizzazione di ben sette punti - prosegue il direttore - e i playoff continuano ad essere un obiettivo dato che ancora siamo ad un punto dal decimo posto e a meno quattro dal settimo posto, quindi ancora alla nostra portata».

Sulla situazione debitoria il dirigente dichiara: «Otto mesi fa la società rischiava addirittura di non iscriversi al campionato e stiamo cercando di sanare un momento difficile. Tra l’altro - aggiunge - la società è riuscita a ridefinire il debito nei confronti dell’Istituto del credito sportivo servito per la realizzazione di Torre del Grifo e che gravava pesantemente sulle casse della società».

E sull’attuale stagione il manager rossazzurro prosegue: «Stiamo camminando su due fronti, quello relativo alla riduzione debitoria e quello relativo all’aspetto tecnico, cioè al campo. Per quanto concerne i debiti, credo che a giugno riusciremo a saldare quelli relativi alle passate stagioni, mentre sotto l’aspetto sportivo i playoff sono ancora raggiungibili e sono una roulette capace di invertire e ribaltare i valori stabiliti in campionato». Sull'imminente partita di domenica contro la capolista Foggia, Lo Monaco esorta il pubblico a stare unito chiosando: «Per vincere abbiamo bisogno dell’apporto di tutti e di un ambiente costruttivo e non distruttivo, rimaniamo compatti e centriamo l’obiettivo playoff»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×