Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

V.le Rapisardi, truffa dello specchietto a carabiniere
Arrestato 29enne di Adrano per tentata estorsione

Ieri pomeriggio, intorno alle 17, il 29enne Vincenzo Restivo, residente ad Adrano, avrebbe bloccato un automobilista sostenendo che quello gli aveva rotto lo specchietto laterale, mentre procedeva nel senso di marcia opposto. A questo punto avrebbe preteso un risarcimento di 300 euro. Ma la vittima era un militare

Redazione

Avrebbe tentato la classica truffa dello specchietto alla vittima sbagliata: un militare dell'Arma dei carabinieri in servizio alla stazione di Librino. È per questo che è finito in manette Vincenzo Restivo, 29enne di Adrano, che sarebbe stato in passato già sottoposto all'avviso orale e al divieto di ritorno nel Comune di Catania. Il giovane è accusato di tentata truffa e tentata estorsione.

Secondo la ricostruzione delle forze dell'ordine, ieri pomeriggio Restivo - intorno alle 17 - avrebbe simulato un contatto tra la sua automobile e un altro mezzo che viaggiava nel senso di marcia opposto, nella zona del viale Mario Rapisardi. Dopo il finto impatto, sarebbe cominciata la solita scenetta dello specchietto laterale rotto: il 29enne avrebbe fermato la vittima e avrebbe preteso la somma di 300 euro a titolo di risarcimento del presunto danno.

La vittima, però, si sarebbe rifiutata di adempiere alla richiesta e così sarebbero cominciate le minacce. A quel punto, l'automobilista si sarebbe identificato in qualità di carabiniere, avrebbe bloccato Restivo e chiamato i colleghi della stazione di Librino. Il 29enne adranita è stato arrestato e portato nel carcere di piazza Lanza.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×