Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lega pro, il Catania subito fuori dai play off
Contro la Juve Stabia finisce a reti inviolate

Gli etnei a Castellammare di Stabia non riescono ad andare oltre lo 0 a 0 contro i campani, che grazie al miglior piazzamento in campionato ottengono la qualificazione alla fase successiva. Alla mezzora di gioco del primo tempo espulso Parisi e strada inevitabilmente in salita

Adriano Nicosia

Foto di: S.S. Juve Stabia Facebook

Foto di: S.S. Juve Stabia Facebook

Il Catania pareggia 0 a 0 allo stadio Romeo Menti di Castellammare di Stabia, uscendo così di scena dal cammino play off. I rossazzurri, nonostante la partita si sia conclusa a reti inviolate, vengono eliminati in virtù della posizione in classifica che vede premiare la squadra meglio classificata durante il campionato, cioè la Juve Stabia. Nel primo tempo il tecnico rossazzurro Giovanni Pulvirenti si affida al consueto 4-3-3 con il giovane Manneh schierato nel tridente offensivo con Di Grazia e Pozzebon, la Juve Stabia risponde a specchio affidandosi all’estro di Ripa e alla fisicità di Kanoutè e Lisi come terminali offensivi.

I padroni di casa partono sin da subito con il piede sull'acceleratore e al nono minuto Kanoutè all’interno dell’area etnea calcia di prima intenzione, ma Pisseri è bravo a respingere il pallone. Poco dopo ci prova Ripa che, su cross di Capotondi, colpisce di testa solo e indisturbato in area rossazzurra, ma la sfera si spegne di poco a lato. I gialloblu sono padroni del gioco e il Catania a gran fatica cerca di uscire dalla propria metà campo cercando di arginare l’offensiva delle vespe.

Alla mezz’ora il Catania si ritrova in inferiorità numerica, Parisi - già ammonito - strattona al limite dell’area rossazzurra Lisi che cade a terra troppo platealmente, ma il direttore di gara senza alcun indugio estrae il cartellino rosso per doppia ammonizione lasciando i rossazzurri in dieci uomini.

Nel finale del primo tempo il coach del Catania Pulvirenti cerca di porre rimedio all’inferiorità numerica inserendo De Rossi al posto di Di Grazia, decidendo quindi di chiudersi in difesa per poi fare male nelle ripartenze, ma proprio allo scadere Ripa, su cross dall’out di destra, effettua una rovesciata, ma il numero uno rossazzurro ancora una volta tiene in piedi il risultato.

Nella ripresa è sempre la Juve Stabia a tenere le redini del gioco con i rossazzurri che si limitano a pressare e interdire le azioni dei campani. Al 15esimo mister Pulvirenti decide di rilevare un impalpabile Pozzebon per Barisic confidando sui centimetri dello sloveno. Al 24esimo occasionissima per il Catania che sfiora il vantaggio con Djordjevic, ma la conclusione da fuori area del terzino rossazzurro si spegne di poco a lato. Al 30esimo i campani reagiscono con Ripa che calcia da fuori area, ma il pallone sfiora il palo di Pisseri relegando il risultato ancora in parità. Nel finale il Catania prova anche la carta Tavares che prende il posto di Scoppa, i rossazzurri provano a reagire confidando sulle ripartenze, ma le vespe si dimostrano compatte chiudendo il match sullo 0 a 0.

Tabellino:

Juve Stabia (4-3-3): Russo, Cancellotti 13 Camigliano 18 Morero 3 Liviero; 8 Matute 4 Capodaglio (71′ Izzillo) 24 Mastalli; 7 Kanoute (75′ Cutolo) 29 Ripa 23 Lisi.
Catania (4-2-3-1): 12 Pisseri; 28 Parisi (40′ De Rossi), 6 Gil 16 Marchese 20 Djordjevic; 5 Scoppa (83′ Tavares) 4 Bucolo; 23 Di Grazia 32 Mazzarani 33 Manneh; 9 Pozzebon (60′ Barisic).

Ammoniti: 16′ Parisi (CT), 46′ Cancellotti (JS), 53′ Scoppa (CT), 66′ Marchese (CT)
Espulsi: 29′ Parisi (CT)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×