Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, al via la terza edizione del festival Eralavò
Evento dedicato a piacere di raccontare e ascoltare

Anche quest'anno l'appuntamento con la due giorni che ha come scopo quello di avvicinare un pubblico di ogni età alla narrazione in tutte le sue forme. Dalla musica alla lettura, passando per le arti visive. Un modo per fare rinascere il dimenticato quartiere del Suffragio e invitare la comunità alla fantasia

Alessio Saputo

Riparte da Acireale la terza edizione Eralavò, il festival delle storie. L'evento è dedicato al piacere di raccontare e ascoltare attraverso diverse forme di narrazione: dalla scrittura alla musica, dal teatro alle arti visive. Il programma comprenderà attività rivolte ai bambini, che non saranno semplicemente chiamati ad ascoltare, ma anche e soprattutto alla partecipazione e creazione delle loro personali storie.

Per quanto riguarda il pubblico adulto, verrà coinvolto nell'invenzione di nuove finzioni, come libri viventi, storie raccontate con disegni su cubi, laboratori d'arte, scrittura creativa e molto altro. Storie cantate e recitate, memorie orali, fotografie, video e musica faranno rivivere uno dei quartieri più belli e dimenticati di Acireale, il quartiere del Suffragio. Eralavò è quindi un'occasione per ridare voce e vita a uno spazio carico di storia della città, per troppo tempo rimasto silenzioso.

Al festival saranno presenti i cantautori italiani Le ore di libertà, che inviteranno la platea alla fantasia, ma anche alla riflessione sui fatti d'attualità che spesso spingono a ritmi insostenibili. La formazione del gruppo prevede Beppe Mignemi alla chitarra e voce, accompagnato da Alfredo Longo alla chitarra classica/acustica, Salverico Cutuli alla fisarmonica, Nicolò Piluso al basso e cori, Giovanni Valastro al flauto/pianoforte/cori e Alessio Carastro alla batteria/percussioni.

Al teatro Bellini sarà invece presente la scrittrice catanese Lina Maria Ugolini, che presenterà il suo nuovo libro Fuad delle farfalle, seguito del suo libro Jamil e la nuvola. «Ogni testo nasce da un'urgenza interiore, da un bisogno inarrestabile di creazione e racconto - spiega la scrittrice - per Fuad le emozioni provate sono state certamente più di una». L'evento si svolgerà domani dalle ore 16 fino a domenica alle ore 23.30 in piazza S. Maria del Suffragio in modo gratuito. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×