Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, un bambino finisce sotto un suv
Grande paura ma fortunatamente illeso

Un bimbo di sette anni rimane incastrato con la sua bici sotto una Toyota oggi in via Bulla. Nonostante le urla e le reazioni di spavento delle persone che hanno assistito al fatto, il piccolo è riuscito ad alzarsi da solo. I medici del pronto soccorso hanno poi riscontrato solo qualche escoriazione agli arti

Salvatore Caruso

Si è gridato al miracolo questa mattina ad Adrano, poco dopo le 11, in via Bulla, dove un bambino di sette anni è uscito praticamente illeso da sotto un suv Toyota, dopo essere stato travolto dal mezzo. Non è ancora chiara la dinamica del fatto, ma sicuramente sia il piccolo che i residenti della piccola arteria viaria che hanno assistito all’incidente non dimenticheranno facilmente quello che è successo oggi. Da una prima sommaria ricostruzione il conducente della macchina dopo avere imboccato a velocità non eccessiva ma a quanto sembra moderata la strada, avrebbe fermato di colpo il mezzo, subito dopo aver sentito le urla di paura del bambino. Che, con la sua bici, si è andato ad incastrare proprio sotto la parte centrale del veicolo. 

Il minorenne sarebbe rimasto sotto la macchina per qualche secondo. Dopo qualche istante però è riuscito a liberarsi, strisciando dalla parte posteriore del mezzo. Alcuni abitanti del luogo sono stati colti da malore, dopo avere notato i piedi del bambino che fuoriuscivano dal veicolo. Il piccolino appena tornato in piedi appariva frastornato e impaurito. A scopo precauzionale è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale Maria Santissima Addolorata di Biancavilla dove i medici hanno sottoposto il minore a tutti gli accertamenti riscontrando solo qualche escoriazione a un braccio e a un fianco. Per i rilievi sono intervenuti gli agenti della polizia municipale che stanno lavorando per ricostruire la dinamica, ascoltando i testimoni presenti al momento del sinistro.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×