Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania pride, l'orgoglio della comunità lgbt
«Le prossime sfide sono di natura culturale»

Oggi pomeriggio è partito da piazza Borgo il corteo della manifestazione organizzata da Arcigay. Colorato, rumoroso e irriverente. Alle 20 farà un saluto il leader di Emergency Gino Strada. «Abbiamo trascorso gli ultimi giorni a San Berillo», spiega Giovanni Caloggero. Guarda foto e video

Marco Militello

«Sì, ho fatto la transizione di genere in Italia - dice Agnese - partecipo ogni anno per difendere la libertà e l'autodeterminazione dei corpi, contro l'eteronormatività e contro il patriarcato». Sorride, è alta, rossa, allegra. Così come allegro è il corteo del pride 2017, che parte da piazza Borgo per prendersi via Etnea, il cuore della città, e raggiungere infine il palco di piazza Teatro Massimo. Ci sono bandiere e striscioni di decine di associazioni, trombette, cappelli strambi. Le casse sistemate sul camion, seguito da centinaia di giovanissimi ma anche da cittadini più in là con l'età, diffondono pezzi di Raffaella Carrà o Heather Parisi. Ma quando è ora di ballare sul serio, si passa all'elettronica e alla techno

«Avremo ospite Gino Strada alle 20 sul palco - spiega Giovanni Caloggero, vice presidente di Arcigay Catania - la particolarità del pride di quest'anno risiede nella settimana che lo ha preceduto, trascorsa tutta nel quartiere di San Berillo che è un quartiere a luci rosse, molto problematico, dove abbiamo ricevuto accoglienza, affetto e molta collaborazione». Frattanto dal rimorchio del camion qualcuno schizza acqua con degli spruzzini. «Le prossime sfide che attendono il movimento lgbt saranno di natura culturale. Alcune cose le abbiamo ottenute - sospira - altre non completamente». 

Gianluca ha 20 anni, o poco più. Indossa una canottiera scollatissima e degli short di jeans. Quando gli si chiede se Catania è una città tollerante, risponde: «Non lo so, amo', io sono di Palermo. Sono stato via tre anni, in Puglia, ma sono tornato perché la mia Sicilia mi mancava». Agostino e Fabrizio sono una coppia da 14 anni. In passato avevano qualche perplessità su manifestazioni come il pride: «Avevamo dei pregiudizi - ammette Agostino - ma il nostro rifiuto era insensato. Qui - prosegue - vedo solo persone che vogliono manifestare la loro natura. Le differenze stanno solo nell'ignoranza delle persone». 

Il corteo adesso è quasi giunto dinnanzi alla villa Bellini. Riccardo è presente con altri iscritti alla sua associazione, Queers. «Un'associazione fondamentalmente di froci - ride - siamo attivisti a Catania. La città è tutto sommato tranquilla, ma su alcune cose un po' indietro. Ci si concentra sulle vecchie lotte, come ad esempio il matrimonio gay, ma si tralascia il fatto che la vera libertà è nella possibilità di esprimere sé stessi». Poco più in là c'è Erotica, una trans mora e altissima, inguainata in un abito lungo fatto tutto di pajettes dorate. «Transizione di genere? Ma proprio no - si sorprende - ci tengo a restare quella che sono». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×