Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, ufficiali le nomine degli assessori
M5s: «Mancato rispetto parità di genere»

Arrivano ieri in serata i nuovi nomi che comporranno la giunta cittadina guidata dal nuovo sindaco Nino Naso, ma scoppia subito una polemica sulla presunta violazione di una norma che impone la presenza di entrambi i sessi nel governo cittadino in misura non inferiore al 40%

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Arrivano ieri, in serata, le deleghe per i nuovi assessori della giunta guidata da Nino Naso. A Ezio Mannino, vice sindaco, vanno Lavori pubblici, Urbanistica, ManutenzioniVerde pubblico, Ecologia, Ambiente e Rapporti con il Consiglio comunale. A Rita Maccarrone, l’unica donna del governo cittadino Servizi sociali, Affari legali e Pari opportunità, a Franco Pennisi sono state attribuite le Attività produttive, Agricoltura, Sviluppo economico e Servizi demografici. A Carmelo Maiolino vanno le deleghe allo Sport, Turismo, Spettacolo, Cultura, Pubblica istruzione e Sanità.

E ancora ad Aldo Motta vanno Bilancio, Tributi, Affari generali, Personale, Randagismo e Tutela animale. Sulle scelte del primo cittadino è intervenuto subito il Movimento 5 stelle, che per mano dei suoi eletti in consiglio Marco Gresta, Martina Ardizzone e Claudia Flammia, parlando di nomine «fatte senza rispettare la legge sulla parità di genere, soprattutto in quella parte in cui si dice che nelle giunte e nei Comuni con popolazione superiore ai tremila abitanti, nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40%».

Per i pentastellati paternesi è importante il rispetto della presenza «nel nostro caso, del genere femminile è un principio garantito dalla Costituzione e può essere derogato solo per garantire la continuità dello svolgimento delle funzioni politiche». L'impossibilità di assicurare la presenza dei due generi deve essere adeguatamente provata tramite «un'accurata e approfondita istruttoria e una valida motivazione» che se non verrà dimostrata, porterà i grillini a «esternare le perplessità agli uffici preposti della Regione Sicilia». 

Non si è fatta attendere la replica del sindaco Nino Naso, il quale ha specificato che la legge Del Rio «non è mai stata recepita dalla Regione». Il legislatore regionale ha introdotto nell’ordinamento siciliano altre parti della legge in questione ma, secondo Naso, «non questa parte». «Considerato che la regione siciliana è a statuto speciale, per avere efficacia ed applicazione la legge Del Rio nel territorio siciliano deve essere espressamente ed integralmente recepita dall’Ars, non essendo ciò avvenuto ne consegue che la disposizione di legge invocata dal Movimento 5 stelle non è vigente per la Regione Sicilia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×