Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Zanne, cambia di nuovo la location del festival
«Si torna a Catania, al castello D'Urso Somma»

L'annuncio è stato dato ieri, a otto giorni dall'inizio della rassegna. Un cambiamento repentino reso necessario dalle norme sulla sicurezza adottate dopo i disordini di Torino, che secondo gli organizzatori avrebbero reso «un teatro degli orrori impossibile da gestire» la località dei Monti Rossi a Nicolosi

Marco Militello

Foto di: pagina facebook Zanne Festival

Foto di: pagina facebook Zanne Festival

Per l'edizione 2017, Zanne festival aveva investito - anche sul piano della comunicazione - sull'Etna. Una scelta accattivante, dettata dalla necessità di trovare una sistemazione diversa da quella del tradizionale parco Gioeni. Nel teaser contenente la notizia che gli Air - duo elettronico francese tra i migliori in assoluto nel genere - sarebbero stati il piatto forte di questa stagione, il tremore e la silhouette del vulcano erano l'elemento centrale. Senza contare le decine di manifesti 6x3 affissi in tutta la provincia. La scelta della location era ricaduta sulla località Monti Rossi, a Nicolosi

Un bosco, forse il luogo ideale per godere la musica dal vivo. Ma le cose non andranno così. Ieri, sulla pagina Facebook della manifestazione, gli organizzatori hanno comunicato che la kermesse dovrà traslocare di nuovo. A soli otto giorni dall'apertura, prevista per il 21 luglio. Per via delle norme sulla sicurezza adottate a livello nazionale dopo i disordini di piazza San Carlo a Torino. Si torna dunque a Catania, al castello D'Urso Somma. Perché il prato pedemontano, alla luce delle nuove normative che introducono una lunga teoria di divieti, sarebbe diventato «un teatro degli orrori impossibile da gestire». Nel messaggio trapela tutta l'insoddisfazione di chi aveva lavorato per mesi alla scenografia lunare

L'organizzazione è corsa ai ripari per ridurre al minimo i disagi per coloro che avevano già prenotato un alloggio a Nicolosi. La navetta che avrebbe accompagnato gli spettatori da catania ai Monti Rossi farà la spola anche in direzione contraria. E il campeggio da tre giorni inizialmente previsto in pineta verrà allestito in loco, con accesso alla Plaia. Dalla montagna al mare. Il che non è stato sufficiente a calmare il nervosismo di molti spettatori, come si legge tra i commenti al post che dà l'annuncio del trasloco in cui gli organizzatori rassicurano i cittadini che invocano la restituzione del denaro speso per prenotare i biglietti e spiegano le nuove modalità di svolgimento, in molti casi comprendendo la delusione degli interlocutori. Una edizione sfortunata per un festival che nel corso degli ultimi anni ha portato sul territorio etneo esponenti del gotha dell'indie rock mondiale, come - per esempio - i Franz Ferdinand, i Calexico e i Blonde Redhead

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×