Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, completate verifiche sullo spoglio
Cunsolo in Consiglio, estromesso Terranova

La commissione presieduta dal giudice Giorgio Marino ha concluso i suoi lavori. Con una sola modifica alla lista degli eletti, che riguarda Paternò on. Su Facebook, esulta il neo consigliere. Mentre sembrano arrendersi i gruppi che aveano richiesto i controlli a gran voce. «Difficile un ricorso al Tar», dice Paolo Di Caro

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Le verifiche sulle preferenze relative alle amministrative di Paternò sono state ultimate. Con una sola modifica all'elenco degli eletti diffuso all'indomani del voto: per la lista Paternò on entra Tonino Cunsolo ed esce Orazio Terranova. Un esito che dunque non modifica di molto gli equilibri in aula (l'amministrazione Naso conta su una maggioranza di 14 consiglieri, contro i dieci delle opposizioni), né cambia il novero delle formazioni politiche che ottengono uno o più seggi. I controlli sono stati effettuati dalla commissione elettorale, presieduta dal giudice Giorgio Marino, che ha passato in rassegna verbali e registri delle sezioni elettorali. L'organismo è stato chiamato a sanare le contraddizioni esistenti tra i documenti e le schede elettorali effettive. A questo proposito, pochi giorni fa sono stati convocati i presidenti di 35 seggi elettorali su 47 sezioni.

Come detto, l'unico vero cambiamento riguarda la lista Paternò on. Al termine del nuovo conteggio perde il seggio consiliare Orazio Terranova, a cui in un primo momento era stato assegnato un numero di preferenze pari a 271. Ora sono 266. Al suo posto andrà Tonino Cunsolo, che in prima battuta era risultato essere il primo dei non eletti con 257 voti. Il nuovo computo dice che, in realtà, sono 281. Sul suo profilo Facebook il neo consigliere ha espresso soddisfazione: «Amici carissimi - scrive - con grande piacere vi comunico che a seguito di controlli elettorali svolti in questo mese successivo alle elezioni comunali, sono emerse delle rettifiche in mio favore. Tali assestamenti hanno determinato la mia elezione in Consiglio comunale». 

ieri mattina la commissione ha presentato alla segreteria generale del Comune il plico contenente la relazione finale sul controllo dei verbali. «In sostanza non è cambiato nulla – dichiara Paolo Di Caro, il più votato della lista Patto popolare, che non raggiunge il cinque per centro per 82 voti –. Le incongruenze c’erano, ma alla fine per noi o per altri non è cambiato quasi nulla. Chiederemo l’acceso agli atti - conclude - ma comunque faremo ricorso al Tar». In base ai dati usciti dal voto dell'11 giugno, al senato cittadino andranno sei liste, le sole che hanno superato il quorum: si tratta di Presenti sempre, Nino Naso Sindaco, Paternò On, e ancora Paternò 2.0, Forza Italia, infine la lista del Movimento 5 stelle. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×