Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Chiara Amazio, da Catania all’Accademia della Scala
La 19enne tornata in Sicilia per esibirsi a Taormina

A 13 anni l'artista si è trasferita nel capoluogo lombardo dopo avere passato le audizioni. Quest'anno si è diplomata con lode e ha ottenuto il ruolo della protagonista nella Carmen dell'étoile José Perez, andato in scena al Teatro Antico della città messinese. «Non si deve andare via per crescere», dice a MeridioNews

Giorgio Tosto

Una passione per la danza nata in tenera età, il trasferimento a Milano con la Sicilia sempre nel cuore: Chiara Amazio, ballerina catanese di 19 anni, è una delle tante eccellenze siciliane nel mondo dell’arte e dello sport che ha lasciato la sua terra da giovanissima per inseguire un grande sogno. «Sono nata con questa passione in corpo, ho sempre voluto fare la ballerina e diventare un’artista. Più o meno a sette anni – confessa Chiara - ho capito che il ballo rappresentava qualcosa in più di un semplice hobby. In me è maturata la convinzione che avrei potuto trasformarlo in un lavoro».

Un percorso professionale iniziato molto presto per Chiara Amazio, quando a soli 13 anni ha lasciato Catania per entrare all’Accademia Teatro alla Scala di Milano. «Mia madre mi ha iscritta all’audizione senza neanche dirmelo: avevo paure e ripensamenti, ma sentivo che era un passo importante. È stato bellissimo essere ammessa in Accademia, lì si lavora veramente per il futuro». Non sono chiaramente mancate le difficoltà, legate alla lontananza dai propri affetti: «È complicato abituarsi già così giovane a un’altra realtà, lasciando la propria famiglia all’improvviso. Mia madre lo ha capito e si è trasferita a Milano per starmi vicino e vivere con me questa esperienza».

Un ritorno in Sicilia che, professionalmente parlando, è avvenuto lo scorso 15 luglio quando Chiara Amazio è andata in scena al Teatro Antico di Taormina con la Carmen di José Perez, un étoile internazionale che ha svolto la doppia veste di coreografo e protagonista maschile: un progetto prodotto dal Teatro Massimo Bellini di Catania in collaborazione con l’associazione Futuro Danza Palermo. Una investitura per la ballerina catanese che, da poco, è riuscita a diplomarsi con lode all’Accademia del Teatro alla Scala. In una compagnia in cui figurano molti siciliani, Chiara Amazio è stata scelta per interpretare il ruolo di protagonista: una sfida impegnativa data la sua giovane età, che ha rappresentato un importante banco di prova. «Poter ballare davanti al mio pubblico è stata una gioia inimmaginabile: è bellissimo avere la possibilità di dimostrare che anche una compagnia di ballerini così giovane può fare danza ad alti livelli».

Esibirsi con José Perez ha comportato molte difficoltà: «Lui è un ottimo danzatore e coreografo e ha molta più esperienza di me. Sentivo la pressione di dover imparare tante cose in poco tempo: ho dovuto bruciare le tappe per essere all’altezza del ruolo da protagonista. È difficile, poi, mettere in scena la Carmen: ho studiato molto il balletto e la trama e, nel corso dell’ultima settimana di prove, sono riuscita finalmente a entrare nel personaggio, a capire fino in fondo la sua passionalità. Ho vissuto un’esperienza formativa di valore inestimabile».

Chiara Amazio è anche ottimista per il futuro della danza nella sua terra: «Il fatto che il Teatro Massimo Bellini abbia promosso un’iniziativa del genere mi fa pensare che qualcosa stia cambiando. Non è giusto che i ragazzi di Catania debbano andar via per studiare bene e crescere professionalmente: spero che ci sia un interesse maggiore per il futuro di noi giovani ballerini». Un avvenire che Chiara vuole affrontare senza troppe preoccupazioni: «spero di fare esperienze in Germania e Austria, sono i Paesi in cui si danza di più: ma voglio comunque lasciar scorrere tutto per il verso giusto, senza programmare nulla».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×