Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

S. M. Ganzaria, ricorso al Tar sui due voti di scarto
L'elezione del sindaco dipende da cinque argentini

Nel piccolo Comune del calatino l'uscente Gianluca Petta è stato riconfermato con sole due preferenze di vantaggio su Danilo Parasole. Che ora chiede chiarezza con un pronunciamento del Tribunale amministrativo. «Clima non sereno durante lo spoglio», dice. «Pretestuoso», replica il primo cittadino

Francesco Vasta

E chissà che il futuro politico di San Michele di Ganzaria non passi dall'Argentina. Il risultato delle ultime Amministrative sembra infatti colorarsi di tinte albicelesti dopo che un comitato di cittadini ha presentato un ricorso al Tar per «fare chiarezza» sul contrastato esito dello spoglio. Gianluca Petta, sindaco uscente di area Pd, è stato riconfermato grazie a due soli voti in più di uno dei sfidanti, Danilo Parasole. Cioè lo 0,09 %. Troppo poco per far calare la temperatura dello scontro, troppo poco per non far scattare le recriminazioni. E tra i vari episodi che avrebbero inciso sul conteggio spicca quello che vede protagonisti cinque persone di nazionalità argentina entrati, sorprendendo qualcuno, nel novero dei 953 votanti registrati nel piccolo centro calatino. 

Secondo i ricorrenti andrebbe verificato se in effetti questi elettori, sebbene regolarmente iscritti all'Aire (l'Anagrafe degli italiani residenti all'estero) e nelle liste elettorali del Comune,  avrebbero potuto essere ammessi al voto. Il problema starebbe nei documenti di riconoscimento che sarebbero stati da loro esibiti ai componenti del seggio. Qualche dettaglio lo aggiunge lo sconfitto Parasole: «Questi cinque signori sono stati identificati tramite il loro passaporto argentino e non tramite carta d'identità - spiega a MeridioNews - anche per questo, e per altri fatti accaduti, ci sono dei cittadini che chiedono giustizia sulle elezioni». 

La neo opposizione, poi, denuncia anche presunti allontanamenti dei rappresentanti di lista durante lo spoglio, scrutini a porte chiuse «per il troppo rumore» e persino l'apertura delle urne mentre le operazioni di voto erano ancora in corso. «Il ricorso punta soprattutto a mettere ordine sull'attribuzione dei voti di alcune schede, anche alla luce di un clima per nulla sereno durante  lo spoglio - dice poi Parasole - in caso queste osservazioni non venissero accettate, viene poi chiesto l'annullamento delle elezioni in relazione al voto degli argentini». «A quanto mi risulta, alcuni di loro non erano neppure mai stati a San Michele, ma quello che conta è che, alla luce di un risultato così risicato, anche quei voti sono stati decisivi - ragione infine l'ex candidato sindaco, adesso consigliere - Non sappiamo per chi hanno votato, ma fare chiarezza su quanto accaduto è doveroso».

Si mantiene sereno invece il sindaco Gianluca Petta. «Ricorrere è un diritto che spetta a tutti, ma le motivazioni mi lasciano molto perplesso - osserva a MeridioNews - Dai verbali dello scrutinio non emergono schede contestate, questi sono problemi che sono stati evidenziati dopo». Il primo cittadino annuncia anche la prossima costituzione in giudizio del Comune: «La legittimità del voto va difesa, se avessi perso per due voti probabilmente anch'io avrei fatto ricorso, ma non in questi termini così pretestuosi. Hanno votato cittadini dalla Germania, dalla Svizzera, perché menzionano solo gli argentini?», si chiede Petta. Intanto, il caso San Michele di Ganzaria sarà al vaglio del Tar di Catania il prossimo ottobre.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×