15

Ruba computer dal dipartimento di Giurisprudenza
Video incastra ladro, polizia individua il ricettatore

Redazione

Cronaca – In manette è finito il pregiudicato etneo, A.N. di 23 anni, e un 59enne originario del Senegal. Quest'ultimo aveva il materiale trafugato all'interno di una bottega nel rione di San Berillo. Per identificare l'autore del fatto decisive le registrazione del sistema di sorveglianza interno. Guarda il video

Due computer completi di monitor, tastiere e mouse. È questo il bottino che il pregiudicato etneo A.N., 23 anni, era riuscito a trafugare nel pomeriggio del 29 luglio dal dipartimento di Giurisprudenza dell'università di Catania. Nel mirino dell'uomo erano finiti i locali di via Gallo. Dopo essersi introdotto nella struttura avrebbe messo a soqquadro diverse aule, procurandosi addirittura una ferita alla gamba destra. A immortalarlo però c'erano le telecamere del sistema di sorveglianza interno, che lo hanno ripreso mentre a volto scoperto e con fatica portava via un sacco nero con all'interno il materiale elettronico rubato.

Ad arrestarlo hanno pensato gli uomini della Digos, dopo averlo individuato nelle vie limitrofe al dipartimento. A.N, che vanta diversi precedenti penali ma di cui non sono state fornite le generalità complete, è stato bloccato nei pressi della scalinata di via Alessi. L'uomo, secondo quanto comunica la questura, indossava gli stessi abiti utilizzati durante il furto e non avrebbe fornito giustificazioni plausibili per la ferita sulla gamba. 

Davanti l'evidenza dei fatti il pregiudicato ha ammesso le sue responsabilità. In manette però è finito anche un uomo di 59 anni, M.I. le sue iniziali, originario del Senegal. Gli agenti lo hanno arrestato per il reato di ricettazione, in quanto all'interno di una bottega di via di Prima, nel rione di San Berillo, sono stati rinvenuti i pc e il resto del materiale elettronico. In alcuni di questi c'era ancora la targhetta di plastica utilizzata dall'università per contrassegnare nell'inventario i suoi beni. Tutto il materiale è stato restituito al dipartimento di Giurisprudenza.