Chiudi ✖
15

Giorgianni è il nuovo assessore della giunta Bianco
L'ex presidente Multiservizi gradito a Sicilia Futura

Dario De Luca

Politica – L'avvocato prende il posto dell'ingegnere Luigi Bosco, che a giugno era passato alla corte regionale di Rosario Crocetta. Per il nuovo componente della squadra del sindaco etneo le deleghe a Infrastrutture, servizi cimiteriali e turismo. La scelta in quota al movimento del deputato regionale Nicola D'Agostino

Quasi due mesi di vacatio che adesso vengono colmati. Il nome nuovo della giunta guidata da Enzo Bianco è quello di Michele Giorgianni, l'ex presidente di Multiservizi prenderà il posto di Luigi Bosco. L'ingegnere etneo, fedelissimo di Rosario Crocetta, il 22 giugno aveva lasciato palazzo degli Elefanti per trasferirsi a Palermo. Per lui il presidente della Regione ha scelto la delega di assessore ai Lavori pubblici. Di fatto per settimane il posto di Bosco è rimasto libero, innescando il toto-assessore. Tra i nomi che sono circolati anche quello di Giorgianni. Tra i corridoi del municipio si spifferavano anche altri possibili interpreti del rimpasto. Su tutti quello del consigliere comunale Carmelo Sofia, storico inquilino del palazzo di città eletto nell'ultima tornata elettorale con la lista Con Bianco per Catania. Una nota, diramata dallo stesso Sofia nei giorni scorsi, ha scritto la parola fine sulla sua possibile nomina. «Ho dovuto rinunciare al mandato - scriveva - per i continui impegni professionali che mi spingono spesso fuori Catania».

Nello scacchiere della giunta Bianco entra così Michele Giorgianni, avvocato etneo classe 1975. Nel 2013 era stato nominato presidente della partecipata comunale Multiservizi, salvo poi dimettersi tre anni dopo. Scorrendo gli incarichi professionali ci sono le consulenze ottenute nei Comuni di Randazzo e Motta Sant'Anastasia e la delega all'Ato idrico di Catania. Il nuovo assessore dovrebbe avere le deleghe a Infrastrutture, turismo e servizi cimiteriali. 

Giorgianni non appartiene in modo ufficiale a un partito, quindi il suo incarico andrebbe considerato come di natura tecnica. A gradire in modo particolare la scelta di Bianco sarebbe però il gruppo politico di Catania Futura. Movimento che in provincia fa riferimento al deputato regionale Nicola D'Agostino e all'amministratore delegato della Società aeroporto Catania, Nico Torrisi. Sempre proveniente da questo raggruppamento era circolato, come possibile assessore, anche il nome del consigliere comunale Agatino Lanzafame.

Prima di Giorgianni era arrivato anche l'avvicendamento all'assessorato ai Servizi sociali. Al posto del dimissionario Angelo Villari - andato via da palazzo degli Elefanti ad aprile - espressione della Cgil e destinato alla candidatura alle prossime regionali, Bianco ha scelto Fortunato Parisi, ormai ex segretario provinciale della Uil. Un nome che ha messo d'accordo una grossa fetta dei sindacati cittadini, a esclusione della Cisl, contrariata fin dal primo momento sulla scelta del sindaco.