Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tifosi Milan aggrediti e derubati prima della partita
«Denudati da una gruppo di teppisti con coltello»

Nel mirino dei facinorosi è finito un autobus proveniente da Chiaramonte Gulfi, provincia di Ragusa, diretto all'impianto di piazza Spedini per l'amichevole di ieri sera tra la squadra meneghina e il Betis di Siviglia. Il sindaco della città scrive al ministro dell'Interno Marco Minniti e al primo cittadino di Catania

Redazione

Foto di: Sportpeople.net

Foto di: Sportpeople.net

Era nell'aria che qualcosa sarebbe potuto accadere. E così è stato. Prima il tam tam sui social network con un hashtag dedicato, poi uno striscione e infine l'assalto a un autobus pieno di tifosi. È accaduto ieri sera nei pressi dello stadio di Catania Angelo Massimino. Impianto scelto per l'amichevole calcistica tra il Milan e la squadra spagnola del Betis di Siviglia. La partita, di grande interesse sportivo per saggiare la condizione del nuovo corso cinese dei meneghini, ha però fatto segnare un grave fatto di cronaca, denunciato dal sindaco di Chiaramonte Gulfi, Sebastiano Guerrieri

Il primo cittadino ha informato della vicenda anche il ministro dell'Interno Marco Minniti e il suo collega primo cittadino Enzo Bianco. Al centro della missiva la disavventura di alcuni concittadini, che ieri si sono spostati dalla provincia di Ragusa a Catania a bordo di tre mezzi noleggiati. Uno di questi, secondo quanto si apprende, è stato bloccato da alcuni teppisti che hanno imposto all'autista di consegnare il suo smartphone. Gli altri occupanti sono stati derubati e spogliati anche sotto la minaccia di un coltello, come racconta il sindaco a MeridioNews: «Si è trattata di una rappresaglia. Un fatto inqualificabile, ma non ci accontentiamo e vogliamo andare fino in fondo per capire chi sono i responsabili - spiega -. Io sono partito da Chiaramonte Gulfi e ho raggiunto lo stadio dopo essere stato informato di quanto accaduto e successivamente ho seguito tutto l'evolversi della vicenda con i miei paesani che sono stati interrogati dalle forze dell'ordine».

A indagare è la Digos etnea, che ieri sera ha trattenuto i testimoni per diverse ore impedendo loro di potere assistere alla partita. Dopo il fischio finale, 2-1 per il Betis di Siviglia, i tre autobus presi a noleggio dai tifosi di Chiaramonte Gulfi sono stati scortati dalla polizia fino al territorio di Lentini. Guerrieri ha scritto una lettera a Minniti e Bianco. Rivolgendosi a quest'ultimo spiega che quanto accaduto «non depone al meglio per la sua Catania, che con una certa frequenza ospita, su suo invito, ministri e personalità di rilievo delle istituzioni europee. Per lei che tiene all'immagine della città - continua rivolgendosi al primo cittadino - episodi del genere squalificano e offuscano il suo impegno». «Peccato che una giornata di sport e di rivalsa dell'intera città - conclude - sia stata oscurata a causa di questi malviventi che scorazzano indisturbati, convinti di farla franca in quanto le leggi attuali glielo consentono».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×