Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Motta, Oikos progetta impianto trattamento percolato
Di Guardo: «Pronti anche a fare sciopero della fame»

Il piano prevede una struttura con capacità superiore a 100 tonnellate al giorno, e una media quotidiana pari a 300 metri cubi. Fermamente contrari i comitati No discarica e il sindaco di Misterbianco, altro Comune coinvolto. «Una provocazione», attacca a MeridioNews l'attivista etneo Massimo La Piana

Marco Militello

Oikos intende dotare la discarica Tiritì-Valanghe d'inverno di un impianto di trattamento del percolato, il liquame che trae origine dall'infiltrazione di acqua nella massa dei rifiuti o dalla decomposizione degli stessi. Con un annuncio pubblicato lunedì su alcuni quotidiani regionali, la società - che in passato si è pure occupata del servizio di igiene urbana a Catania - ha rivelato di aver richiesto all'assessorato regionale Territorio e Ambiente la valutazione di impatto ambientale di una simile struttura, «con capacità superiore a 100 tonnellate al giorno» e con «una capacità media quotidiana pari a 300 metri cubi». Il riquadro apparso sulla carta stampata elenca inoltre i metodi di «smaltimento e recupero» previsti dal progetto: ovvero l'incenerimento e i trattamenti contemplati in alcuni allegati del decreto Ronchi sui rifiuti.

Può essere interessante approfondire. Per quel che riguarda i modelli di smaltimento riassunti nell'allegato b della normativa nazionale, ci sono nell'ordine: il trattamento fisico-chimico che dia origine a composti o a miscugli eliminati secondo evaporazione, essiccazione o calcinazione, l'incenerimento a terra e l'incenerimento in mare. La lettera R1 dell'allegato seguente parla invece di «utilizzazione principale (del percolato, ndr) come combustibile o come altro mezzo per produrre energia». A destare curiosità è soprattutto l'ipotesi dell'incenerimento in mare, considerato che lo stabilimento, nel progetto, è localizzato all'interno della discarica situata in territorio di Motta Sant'Anastasia, al confine con Misterbianco

E proprio il territorio, per lo meno in alcune sue articolazioni, reagisce con durezza al piano di Oikos. Dal giorno della pubblicazione dell'avviso, i Comuni coinvolti - come detto, Motta e Misterbianco - hanno 60 giorni di tempo per esprimere osservazioni. Ma non è escluso che i sindaci Anastasio Carrà e Nino Di Guardo vogliano percorrere anche la strada della protesta di piazza. Di Guardo ha convocato una conferenza stampa, a cui hanno preso parte anche i comitati No discarica delle due città. «A mio avviso - dice a MeridioNews l'attivista Massimo La Piana - anche gli stakeholder, come il nostro comitato, possono richiedere gli atti e fare opposizione. Sarà il primo passaggio che faremo. E poi - prosegue - informeremo la cittadinanza il più possibile per creare una mobilitazione. Il progetto è una provocazione». 

La discarica Tiritì è chiusa dal 2014. Ma la cosiddetta gestione post mortem, con la bonifica definitiva, non è ancora stata effettuata. Oikos avrebbe inviato alle Regione la documentazione nel gennaio 2016. A Valanghe d'inverno, invece, viene scaricata solo la frazione secca, per effetto delle recenti ordinanze del presidente Rosario Crocetta. «Metteremo in campo tutte le iniziative necessarie a bloccare il progetto - assicura al nostro giornale il sindaco misterbianchese Di Guardo - e poi abbiamo le armi della protesta, perfino dello sciopero della fame. Il territorio è già compromesso dalla presenza della discarica. Spero che Palermo emetta una valutazione di impatto ambientale negativa contro questo ecomostro». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×