Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

È morto lo storico militante Gabriele Centineo
«Lo straordinario acume di un uomo di sinistra»

Docente di Chimica generale all'università di Catania e, soprattutto, sindacalista e attivista per tutta la vita. Aveva 75 anni ed è scomparso questa mattina alle 10. «Era un grande intellettuale - ricorda l'amico Mimmo Cosentino, segretario regionale del Prc - Generoso e sincero». I funerali laici si terranno alla Cgil giovedì

Luisa Santangelo

«Non è una perdita solo per i suoi cari. Con la sua scomparsa Catania perde un uomo di sinistra straordinariamente acuto, colto e leale». Chi lo conosceva bene ha difficoltà a parlare di Gabriele Centineo. Le voci di alcuni si spezzano, eppure l'elenco delle qualità - o delle cose fatte - viene sussurrato al telefono. «Ha cominciato prima del '68», si sente in sottofondo, mentre Mimmo Cosentino - segretario regionale del Partito di rifondazione comunista - ricorda l'amico di una vita: l'uomo con cui ha iniziato a fare politica nei primi anni '70 e con il quale ha condiviso quasi cinquant'anni di battaglie. Centineo è morto questa mattina alle 10, aveva 75 anni «e ancora era un sindacalista, si occupava dei problemi dei lavoratori, era in grado di analizzare il tessuto sociale e i problemi cittadini con una lucidità unica», ricorda Cosentino. I funerali laici sono fissati per giovedì mattina, alle 10, nel cortile della Cgil di via Crociferi.

Docente di Chimica generale all'università di Catania, Gabriele Centineo «è stato una straordinaria figura di militante politico, che ha speso la sua vita per il movimento operaio», racconta Cosentino a MeridioNews. Prima l'Ugi (Unione goliardica italiana, un'associazione universitaria) all'inizio degli anni Cinquanta, poi il movimento di idee che ha contribuito a costruire il '68, la rivista di sinistra Quaderni rossi e il giornale, co-fondato da Centineo, Il manifesto. Ma anche il Partito di unità proletaria, poi Democrazia proletaria, fino all'approdo in Rifondazione comunista, di cui era segretario a Catania, e l'attività di sindacalista nella Cgil, di cui continuava a essere un esponente.

«Si è formato con una cultura operaista e ha sempre sostenuto l'importanza costituzionale dei partiti nella società, come strumento di decisione collettiva, partecipazione e controllo delle attività istituzionali». Una visione di politica al servizio dei cittadini e, soprattutto, delle idee. «Nonostante i problemi di salute, era stato tra i promotori del movimento catanese contro la revisione costituzionale», continua l'amico Cosentino. «Era un grande intellettuale - sospira - In grado di affrontare con competenza temi scientifici e filosofici». A questo punto, però, il politico lascia lo spazio all'amico: «Era generoso e sincero». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×