Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scherma, in pedana ad Acireale i campioni etnei
Ai Mondiali militari sarà sfilata di atleti medagliati

La prossima settimana i riflettori della scherma internazionale saranno puntati sul Pala Tupparello, dove dal 13 al 17 si terranno i Campionati del mondo militari. Tra i 207 partecipanti sono molti gli atleti di livello: ricca anche la pattuglia di schermidori siciliani: Daniele ed Enrico Garozzo, Giorgio Avola, Paolo Pizzo, Rossella Fiamingo

Giorgio Tosto

Sarà nutrita e di altissimo livello la pattuglia siciliana che parteciperà alla 45esima edizione dei Campionati del Mondo Militari di Schermain scena al Pala Tupparello di Acireale dal 13 al 17 settembre con l’aggiunta di un evento speciale previsto giorno 16 a Caltagirone. Tra le fila della squadra azzurra, che sfiderà le nazionali di altri 18 Paesi, spiccano i nomi di molti medagliati mondiali e olimpici: i fratelli acesi Daniele ed Enrico Garozzo, il modicano Giorgio Avola, il catanese Paolo Pizzo e la puntese Rossella Fiamingo.

Un evento che fa tornare la scherma internazionale in Sicilia, a distanza di sei anni dai Campionati del Mondo di Catania: come ha avuto modo di sottolineare il presidente federale Giorgio Scarso (siciliano di Modica, ndr), questa manifestazione ha il pregio di «riportare a casa» uno sport che nell'isola ha messo radici forti, sfornando atleti di caratura mondiale. Molti di essi saranno presenti ad Acireale, dato che la scherma azzurra fa perno sul forte sostegno logistico ed economico dato dai Gruppi Sportivi militari: schema, quest’ultimo, replicato in Italia da molti altri sport. 

«La Sicilia – ribadisce il presidente Scarso a margine della presentazione dei Campionati del Mondo Militari – ha sempre sfruttato l’opportunità di organizzare gli eventi internazionali portati dalla scherma. Il Mondiale militare è una ulteriore testimonianza della capacità messa in campo dal comitato organizzatore. È una grande opportunità, un investimento che va a beneficio dell’isola: anche quando sembra che tutto vada male – prosegue il presidente Scarso - iniziative come questa ci fanno apprezzare nel mondo».

Gareggiare in Sicilia, per questi atleti, sarà dunque anche una questione di cuore. Il fiorettista Daniele Garozzo, campione olimpico ed europeo in carica, ha ricordato come ad Acireale nel 2008 abbia vinto il Campionato del mondo categoria cadetti, suo primo grande successo internazionale. L’atleta acese, che scenderà in pedana il prossimo 15 settembre difendendo i colori dell’Italia e del gruppo sportivo delle Fiamme Gialle, si augura di poter ripetere la stessa magia di nove anni fa: «La Sicilia è sempre nel cuore – ha dichiarato Garozzo in una recente intervista a MeridioNews – vengo quando posso, per le feste e durante le pause dalla scherma. Ho deciso di essere presente ai Mondiali militari perché si disputeranno nella mia città e nel palazzetto di casa: tengo molto a poterci essere e parteciperò con la solita voglia di vincere».

Per lo spadista Paolo Pizzo, 37enne catanese due volte campione del Mondo e atleta dell'Aeronautica Militare, la Sicilia ricorda anche il suo primo titolo iridato, conquistato sei anni fa proprio nel capoluogo etneo: «Nell’isola gli eventi sportivi sono sempre molto sentiti – ha ribadito Pizzo a margine della conferenza stampa di presentazione - con palazzetti pieni e grande risposta di pubblico: non vedo l’ora di gareggiare. Ho visionato i miei avversari: io ed Enrico Garozzo siamo colpiti dalla qualità dei partecipanti. Nella spada, evidentemente, la presenza di militari è massiccia: sarà una manifestazione davvero tosta». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×