Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, avvelenati cani di fronte al cimitero
La volontaria: «Erano innocui, paese incivile»

Si chiamavano Salvatore e Lupo: uno aveva nove mesi, l'altro poco più di due anni. Sono stati uccisi da alcuni bocconi al veleno che sono stati ritrovati in via Balatelle. E all'appello manca ancora Poldo, due anni anche lui. «Bisogna trovare chi è stato, prima che ammazzi altri animali», dice chi si occupava di loro. Guarda le foto

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Ennesima e ingiustificata barbarie a Paternò dove qualcuno ha avvelenato ieri mattina due randagi, che stazionano da tempo nell’area adiacente al cimitero di via Balatelle. In zona ci sono 13 cani: la maggior parte sono stati sterilizzati e microchippati. Non lo era, però, il piccolo Salvatore, un cucciolo di randagio di circa nove mesi, trovato morto all'ingresso del cimitero. Pare per via di bocconi avvelenati. Stessa sorte è toccata a Lupo, oltre due anni, sterilizzato e dotato di microchip, trovato senza vita nei pressi del parcheggio. All'appello, però, manca un altro cane: Poldo, di circa due anni, che i volontari temono possa essersi allontanato per andare a morire altrove.

A scoprire i cadaveri degli animali un commerciante di fiori che, all'apertura del negozio, a poche decine di metri dal cimitero, ha notato i due animali senza vita. Sono stati quindi allertati gli agenti della polizia di Paternò, che si sono recati sul posto per i rilievi del caso. Sul posto anche i volontari delle associazioni Upa, Cuccioli dell'Etna e Il mio amico. Assieme a loro anche Laura Filippelli, la volontaria che da anni segue e cura i cani di via Balatelle. «Questo è un paese incivile - dice tra le lacrime - erano cani innocui. Bisogna trovare l'autore dell'avvelenamento, prima che altri animali possano essere uccisi».

Sul posto è arrivato anche il primo cittadino paternese Nino Naso. «Non è possibile che per colpa di qualche belva si macchi il nome della città - dichiara il sindaco - Ho dato disposizione affinché venga individuato un terreno di proprietà comunale dove ricoverare in modo provvisorio i randagi, prima che a qualcuno passi per la testa di continuare l'opera di avvelenamento». Intanto Giuseppe Panassidi, presidente dell'Upa (Uniti per gli animali), ha annunciato il proposito di denunciare formalmente l'accaduto: «Abbiamo trovato dei bocconi avvelenati e li abbiamo consegnati all'ambulanza veterinaria. Le due carcasse sono state portate all'associazione Rifugio di Concetta - afferma - I bocconi saranno analizzati».

L'episodio dell'avvelenamento al cimitero è l'ultimo di una lunga serie di violenze nei confronti degli animali, a Paternò. All'interno dell'ospedale Santissimo Salvatore, per esempio, sono stati ammazzati degli altri cani, sempre con bocconi avvelenati. Alcuni mesi fa ignoti hanno impiccato un cucciolo di randagio, appena quattro mesi, sul ponte di contrada Pietralunga sul fiume Simeto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×