Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Forte vento, alberi abbattuti in tutta la provincia
Allagata la quinta strada della zona industriale

Un tronco in viale Vittorio Veneto e un altro in viale Mario Rapisardi, entrambi finiti sulle automobili parcheggiate. Così come i pannelli di un cantiere che si sono sganciati nei pressi di via Luigi Cadorna e sono stati messi in sicurezza nelle prime ore della mattinata. Solo alcuni degli interventi dovuti al maltempo di stanotte

Luisa Santangelo

Alberi crollati sulla strada, alcuni sottopassi allagati in provincia e la quinta strada della zona industriale chiusa al traffico per via dell'acqua che l'ha resa impercorribile. Sono i principali disagi causati dal temporale che si è abbattuto sulla città di Catania alle prime luci dell'alba di oggi. E se la pioggia ha smesso di sferzare il capoluogo etneo, lo stesso non ha fatto il forte vento, per via del quale proseguono gli interventi dei vigili del fuoco e della protezione civile del Comune. Fino a questo momento, sono due i tronchi che, cadendo, hanno causato danni alle automobili parcheggiate: uno in viale Vittorio Veneto, di fronte alla scuola Mario Rapisardi di via Aosta, e l'altro in viale Mario Rapisardi, all'altezza della parrocchia San Luigi

È sempre il verde pubblico ad avere richiesto l'intervento della protezione civile in viale Kennedypiazza Santa Maria di Gesù e piazza Roma, mentre a Nesima - nella zona di via Luigi Cadorna - è stato necessario mettere in sicurezza i pannelli di un cantiere che si sono sganciati e sono caduti sulla strada. In largo Taormina, nei pressi di via Milo, intorno alle 11 di oggi, i pompieri sono stati impegnati a sistemare un pezzo di ferro che sporgeva da un balcone. «Non ci sono stati interventi particolari - confermano dalla sala operativa - Solo alcuni allagamenti nelle zone di Valcorrente e Piano Tavola».

Diversa è la situazione alla V strada della zona industriale, che è stata interdetta al traffico veicolare a partire dalle prime luci dell'alba, in via precauzionale. Il piccolo allagamento dovrebbe essere sul punto di asciugarsi e per la tarda mattinata di oggi l'arteria potrebbe essere riaperta. «La responsabilità in quella zona è condivisa dal Comune di Catania e dall'Irsap (Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive, ndr) - fanno sapere dagli uffici della Protezione civile etnea - In ogni caso, nel centro cittadino il deflusso delle acque ha retto abbastanza bene». Un dato che non è detto possa confermarsi anche nel caso di eventuali nuove precipitazioni, più abbondanti di quelle di stanotte: «Torrenti e canali sono colmi», confermano gli uffici comunali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×