Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia e rifiuti, sequestro da oltre 12 milioni di euro
Aziende impegnate nella gestione della spazzatura

Secondo gli investigatori, che hanno messo i sigilli alle società, si tratta del patrimonio di una persona vicina a un clan mafioso. Non una sola impresa, ma più di una: tutte operanti nel redditizio settore che ruota attorno alla munnizza. Un business su cui Cosa nostra ha costruito imperi

Redazione

Dodici milioni di euro. A tanto ammontano i beni sequestrati a una persona che, secondo gli investigatori, è vicina al clan mafioso dei Cappello-Bonaccorsi. Gli agenti della polizia hanno messo i sigilli a diverse aziende operanti nel settore della gestione dei rifiuti. Maggiori aggiornamenti saranno diffusi nelle prossime ore.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×