Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scordia, sequestrate 2500 piante di marijuana
Il fondo agricolo non ha ancora un proprietario

I militari hanno rinvenuto una enorme piantagione di sostanza stupefacente in un appezzamento nei pressi di contrada Palma. Le piante sono state sequestrate anche se non si conosce ancora l'identità del proprietario del terreno. Guarda il video

Redazione

Durante la mattinata dello scorso sabato 23 settembre, la squadra mobile di Catania ha sequestrato 2.500 piante di marijuana e altro materiale utilizzato per la coltivazione della sostanza stupefacente

La piantagione è stata scoperta in un terreno che si trova in contrada Palma in territorio di Scordia, in provincia di Catania e che, allo stato attuale delle indagini, non è riconducibile a nessun proprietario

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×