Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pubbliservizi, dipendenti interrompono sciopero
Stipendi in pagamento e proroga del contratto

A conclusione del tavolo di trattative in prefettura, sono arrivate le garanzie richieste dai lavoratori della partecipata dell'ex Provincia di Catania. Il sindaco Enzo Bianco ha firmato la proroga del contratto di servizio fino a dicembre e assicurato il rapido saldo degli stipendi arretrati 

Redazione

La rivolta sembra per il momento potersi calmare. Da domani tutti a lavoro. Si è chiusa oggi pomeriggio la protesta dei 380 lavoratori della Pubbliservizi, la società partecipata della Città metropolitana di Catania, dopo l'annuncio arrivato direttamente per bocca del sindaco metropolitano Enzo Bianco davanti a una folta rappresentanza di dipendenti radunati dinanzi al palazzo della prefettura. A conclusione infatti del tavolo convocato per oggi, è arrivata la promessa di altri tre anni di contratto che dovrebbero seguire alla firma odierna della proroga fino a dicembre, oltre alle rassicurazioni sul «pagamento immediato» degli stipendi arretrati. Le sigle sindacali in campo - Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti e Ugl terziario - hanno così revocato lo sciopero che andava avanti da giorni, senza peraltro che si fosse evitate manifestazioni plateali di dissenso

Sembra dunque scongiurata l'ipotesi della messa in liquidazione della società, collegata ai debiti da ripianare ed all'imminente scadenza, adesso posticipata, del contratto di servizio con l'ex Provincia. Al tavolo, oltre alla prefetta Silvana Riccio, sedevano anche il presidente di Pubbliservizi Silvio Ontario e il ragioniere generale dell'ente Francesco Schillirò, oltre ai rappresentanti sindacali e al primo cittadino catanese.«Aiutatemi anche voi - ha ribadito il sindaco Bianco - vanno eliminati certi costi incredibili, le risorse verranno destinate non solo al pagamento delle mensilità arretrate ma anche alla ripresa delle attività dell'azienda».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×