Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

SabirFest allarga i confini per la quarta edizione
Organizzatori: «L'ospitalità è pratica quotidiana»

Saranno Catania, Messina e Reggio Calabria le protagoniste dell'evento che ruota attorno ai popoli e ai paesi del Mediterrano. Dal 5 all’8 ottobre tappa alle falde dell'Etna. «Raccontiamo il Mediterraneo che vogliamo nel futuro», commenta Biagio Guerrera a MeridioNews

Giorgia Lodato

Foto di: facebook sabirfest

Foto di: facebook sabirfest

Si svolgerà contemporaneamente a Catania, Messina e Reggio Calabria la quarta edizione di SabirFest Cultura e cittadinanza mediterranea, festival che ruota attorno ai temi di conoscenza, libertà, solidarietà e diritti e che si pone come obiettivo principale quello di riportare il Mediterraneo a essere uno spazio di crescita culturale e di partecipazione sociale.

È proprio questa la novità principale di questa edizione, che vede l’evento nato nella città peloritana e riproposto con successo alle falde dell'Etna, approdare per la prima volta a Reggio Calabria. «Dal 2014 – spiegano dall’organizzazione - nello spirito del sabir, lingua franca che fino all’Ottocento si parlava nei porti e sulle imbarcazioni del Mediterraneo, cerchiamo di porre l’attenzione non solo sul nostro mare, ma anche su paesi e popoli che lo abitano». Sia che si tratti di ospiti, sia che siano ospitanti, come emerge dal sottotitolo scelto provocatoriamente per l'edizione che sarà a Catania dal 5 all’8 ottobre

«Scortesie per gli ospiti indica la necessità di passare dalla parole ai fatti - sottolinea Biagio Guerrera, presidente dell’Associazione Musicale etnea - dall'idea nobile ma spesso astratta di solidarietà, alla pratica difficile e quotidiana dell'ospitalità». Guerrera ricorda poi «una bella citazione» di Edmond Jabès: «Al di qua della responsabilità, c’è la solidarietà. Al di là, c’è l’ospitalità».

Fulcro dell’evento resta la mostra-mercato Sabirlibri, con sede al Palazzo Platamone, che darà l’opportunità a tanti editori di condividere col pubblico, anche giovanissimo, i propri titoli e le novità intorno al tema Mediterraneo. Non mancheranno poi appuntamenti e conversazioni con scrittori, registi, giornalisti e artisti di diverse nazionalità, che per quattro giorni intratterranno i catanesi con letture, laboratori, cinema, teatro e musica tra piazze ed edifici storici della città. In programma anche incontri con studenti, installazioni, mostre, reading di poesie e tavole rotonde sul tema dell’ospitalità, l'argomento portante di questa edizione.

«Oggi stiamo vivendo una guerra globale che muove culture e religioni l’una contro l’altra – aggiunge Guerrera - delude la lotta di molte persone per la libertà e la giustizia nel nome della stabilità, della crescita e degli interessi nazionali, spinge intere famiglie a fuggire dalla disperazione e pone esseri umani e natura in opposizione, il fronte più caldo di questa guerra corre attraverso il Mediterraneo».

Aperta al dialogo tra cittadini e attivisti di tutto il mondo è invece la sezione Sabirmaydan, un vero e proprio forum che si concenterà sul Manifesto per la cittadinanza mediterranea. Quest’anno verrà discusso in pubblico in vista della prima stesura con l’obiettivo di descrivere «il Mediterraneo che vogliamo vedere nel prossimo futuro».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×