Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Asp, al via nuovo screening sul tumore al colon
Kit disponibili nelle 298 farmacie della provincia

La campagna di prevenzione si rivolge a 300mila cittadini, uomini e donne, di età compresa tra i 50 e i 70 anni. Nel 2016 - nel corso della prima fase di questo processo di prevenzione - sono stati effettuati 11.500 test (a fronte dei cinquemila del 2013) che hanno portato a 111 diagnosi di cancro e adenoma avanzato

Redazione

Una campagna di prevenzione che si rivolge a 300mila cittadini, uomini e donne, di età compresa tra i 50 e i 70 anni. E che, nel 2016, su diecimila e 500 test ha portato a 111 diagnosi di cancro e adenoma avanzato. Sono i numeri snocciolati questa mattina all'Asp di Catania, durante il lancio della seconda fase dello screening sul tumore al colon retto realizzata in collaborazione con Federfarma. «Dal mese di novembre, la campagna coinvolgerà l'intera provincia - spiega Giuseppe Giammanco, direttore generale dell'Azienda sanitaria provinciale - L'elemento più innovativo della partnership consiste nell'integrazione del sistema software di gestione degli screening con il software della farmacia». In altri termini, ogni volta che arriva in farmacia un utente in target, il farmacista viene avvisato e può proporre l'attività di prevenzione oncologica.

L'esame di ricerca del sangue occulto nelle feci può essere effettuato spontaneamente dai cittadini, con un kit che sarà disponibile nelle farmacie a partire dal mese di novembre. Il programma prevede l'esecuzione di screening ogni due anni, su invito o su adesione a scelta, di un esame molto semplice e non doloroso. Se questo primo test dovesse risultare positivo, verrà attivata la procedura di secondo livello con l'effettuazione di una colonscopia. Nel caso in cui fosse necessario, si passerà al terzo livello, cioè l'esecuzione di un intervento chirurgico. 

La maggior parte delle neoplasie del colon retto si sviluppano lentamente a partire da piccole formazioni benigne chiamate polipi, che possono iniziare a sanguinare diversi anni prima della comparsa di altri disturbi. Questo sangue può essere identificato con un esame delle feci chiamato, come già detto, ricerca del sangue occulto. Per effettuare l’esame, utilizzando il kit consegnato in farmacia, si deve prelevare, a casa propria, un piccolo campione di feci, metterlo nel contenitore con l’apposito bastoncino e poi riconsegnarlo in farmacia. Grazie alla collaborazione con Federfarma, sono abilitate alla raccolta tutte le 298 farmacie della provincia etnea. Nelle donne, la raccolta delle feci va eseguita a distanza di almeno cinque giorni dalla fine mestruazioni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×