Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, incendiato ex asilo di via San Gaetano
Ormai in abbandono, di notte usato da clochard

Nella serata di lunedì ignoti hanno dato fuoco all'edificio abbandonato che si trova accanto alla chiesa. La struttura, di proprietà comunale, è accessibile tramite un portone d'ingresso in legno. In passato all'interno della struttura sono stati rinvenuti diversi giacigli di fortuna di senza fissa dimora. Guarda le foto

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Incendio di matrice dolosa, nella serata di lunedì, a Paternò dove ignoti hanno dato fuoco all’interno di un edificio abbandonato che si trova in via San Gaetano, un immobile attiguo all’omonima chiesa. La struttura un tempo ospitava un asilo comunale ed è da tempo in stato di abbandono. L'accesso è facile: c'è un portone d'ingresso, in legno, che si può varcare anche con una spinta. Non è da escludere che i locali ospitino, durante la notte, alcuni senza fissa dimora della cittadina paternese: in passato, lì dentro, sono stati rinvenuti giacigli di fortuna.

I piromani hanno appiccato il fuoco all'interno di una stanza piena di spazzatura ma anche di mobilia lasciata al macero. Le fiamme hanno interessato un locale al piano terra: il fumo nero denso uscito dalle finestre ha messo in allarme i residenti della zona, che hanno allertato gli uomini del 115 intervenuti per fermare l'incendio. Sul posto anche gli agenti della polizia municipale, che hanno deviato il traffico veicolare del centro storico verso altre strade. Il rogo è stato domato ma non è stato possibile appurare la stabilità dell'edificio. Nelle prossime ore i tecnici comunali faranno un sopralluogo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×