Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Benedettini, l'ex bar occupato dagli studenti
«Stop agli sprechi, riapriamo risorse di tutti»

 La parole d'ordine di questo autunno, per le attività del Coordinamento universitario catanese, sono ben precise: va recuperato e valorizzato quello che è già nel patrimonio dell'Università etnea, tagliando le spese superflue. La questione è già sul tavolo del rettore Francesco Basile, che dialoga con gli studenti

Francesco Vasta

Intenti chiari e azione diretta, senza troppi fronzoli. Il Coordinamento universitario catanese guarda al concreto, avviando stamane l'occupazione dei locali del Monastero dei Benedettini che fino a qualche anno fa ospitavano il bar e degli spazi studio per studenti. Dalla chiusura del ristoro, però, solo polvere e tanto materiale accatastato occupa la superficie delle varie stanze, che invece si vorrebbe rivitalizzare riaprendone le porte. L'edificio, peraltro, non è inagibile né gravato da altre limitazioni. E così è toccato farlo proprio agli attivisti del movimento. La parola d'ordine di questo autunno è ben precisa: stop agli sprechi nell'Ateneo catanese. Gli studenti, nelle scorse settimane, avevano già posto l'attenzione sul tema degli affitti che gravano sui conti dell'Università di Catania. Una pesante voce di bilancio che spesso non si tramuta in servizi e strutture efficienti per iscritti e non. Occorre ottimizzare l'impiego delle risorse dell'Ateneo, sia quelle economiche e lo stesso patrimonio già nella disponibilità dell'ente. I locali del vecchio bar dei Benedettini fanno parte di questo insieme di beni inutilizzato o sottoutilizzato.

L'occupazione serve ad attirare l'attenzione dell'amministrazione universitaria, ma anche a presentare il progetto Unilab: al posto del bar, il Coordinamento immagina «Un laboratorio di co-working utile alla collaborazione tra studenti, dottorandi, ricercatori e docenti - spiegano gli attivisti - ma anche un luogo di studio che possa aggiungere dei posti a sedere ai pochi di cui si dispone ai Benedettini ed un luogo in cui gli studenti, grazie ad uno sportello di mutuo aiuto, possano confrontarsi sulle problematiche logistico-burocratiche dell'università». 

Con l'azione di protesta si andrò avanti sino a quando «Non avremo garanzie certe sulla riapertura di questi spazi», dichiara Lara Torrisi del Coordinamento. La proposta sul futuro dell'ex bar ed il nodo sprechi sono infatti già sul tavolo del rettore Francesco Basile, che dovrebbe incontrare il Coordinamento nel pomeriggio di oggi. «Abbiamo fiducia nel rettore, perché di nuovo insediamento e perché abbiamo instaurato un dialogo - spiega Torrisi - però è chiaro che finché non avremo certezze, dopo le promesse degli ultimi anni, resteremo qui».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×