Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il Centro Zo invita gli studenti all'«invasione»
Progetto cresce all'insegna della promiscuità

Sergio Zinna odia la parola «movida» e la struttura di piazzale Asia, che da più di 15 anni dà forma alle sue idee, preferisce definirla un luogo di ritrovo. La missione, dichiarata ai microfoni della rubrica l'Elzeviro, realizzata da MeridioNews e Radio Zammù, è «sprovincializzare Catania». Guarda il video

Andrea Tisano

Non è semplice definire cosa sia il centro culturale Zō. È sostanzialmente un paradosso. Sulla cresta dell'onda da più di 15 anni, è diventato un punto di riferimento della movida catanese. Ma il suo fondatore e direttore artistico Sergio Zinna odia la parola «movida». È un luogo di ritrovo ormai consolidato, con un pubblico assiduo e variegato. Ma Sergio Zinna non si sazia facilmente: la sua missione, sostiene, è «sprovincializzare Catania». Come dimostra la sua appartenenza al circuito Trans Europe halls, Zō è ormai un'istituzione nel circuito non istituzionale degli spazi di cultura e aggregazione sociale. 

Il modello di Zō è quello della factory multidisciplinare: Sergio Zinna lo ha importato da Bologna, una volta terminati gli studi al Dams. «Erano gli anni Novanta, e le condizioni economiche erano particolarmente favorevoli. Era la cosiddetta Primavera catanese», ricorda Zinna. «Oggi la situazione è completamente diversa. C'è poca curiosità per l'ignoto, e più tendenza ad andare sul sicuro. C'è una chiusura nel privato che, paradossalmente, i social inaspriscono, dando la percezione falsata di trovarsi ovunque e sempre interconnessi. E le istituzioni non aiutano, non forniscono alcun supporto dal punto di vista delle comunicazioni...». 

Eppure, per quanto Zō sia nato come alternativa alle istituzioni tradizionali, proprio con quelle istituzioni tenta oggi un dialogo, soprattutto con il mondo dell'università. «A Bologna la mia formazione è avvenuta solo per metà nelle aule universitarie», afferma. «L'altra metà la devo a spazi alternativi. Ed è per questo che invito gli studenti alla partecipazione, anzi all'invasione delle strutture culturali della città». Sono dunque i giovani l'ingrediente che ancora manca alla ricetta promiscua di Zinna, al sempre giovane centro Zō, dopodiché il pasto sarà completo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×