Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Maxi sequestro di beni ai trafficanti di droga Morabito
Grossisti dell'importazione di stupefacenti dall'Albania

Nel mirino della Direzione investigativa antimafia il patrimonio della famiglia attiva nel quartiere di Picanello, con rapporti internazionali per le forniture alla famiglia mafiosa di Cosa nostra Santapaola-Ercolano. I quattro fratelli sono stati coinvolti nelle operazioni Picanello connection e Spartivento

Dario De Luca

«Gente che non si sporca le mani con la vendita al dettaglio, ma che si occupa di importare la droga per i clan». L'identikit lo tracciava a novembre 2016 l'ormai ex questore etneo Marcello Cardona, quando si riferiva alla famiglia Morabito di Picanello. Grossisti della droga su scala internazionale, oggi finiti nel mirino della Direzione investigativa antimafia per un maxi sequestro di beni su delega della procura di Catania, guidata dal procuratore Carmelo Zuccaro. Il gruppo criminale in questione ha la sua base operativa nel quartiere popolare etneo e viene ritenuto una costola operativa per il traffico di stupefacenti della famiglia Santapaola-Ercolano.

L'ultima operazione in cui compare uno di loro è quella denominata Picanello connection. In manette finisce Angelo Morabito, 43 anni, mentre avrebbe provato a importare dall'Albania un grosso quantitativo di marijuana per un valore di circa tre milioni di euro. Gli altri fratelli, Roberto, Antonio e Rocco, erano stati catturati durante il blitz denominato Spartivento, risalente a febbraio 2015. In quell'occasione, gli inquirenti arrivarono ai trafficanti attraverso un'indagine condivisa con gli investigatori albanesi, sull'asse Catania-Durazzo

Dalla penisola balcanica infatti partivano i pescherecci con il loro carico, stimato in centinaia di migliaia di euro per ogni viaggio. I soldi dei pagamenti viaggiavano invece su gomma, grazie alla complicità di un autista di autobus di linea che copriva la tratta Sicilia-Albania. Altin Ramolli, questo il suo nome, si sarebbe occupato anche delle schede telefoniche che da Durazzo giungevano a Catania per concordare le partite di droga da commissionare.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×