Chiudi ✖
15

S. M. Licodia, nascondeva fucili e droga in campagna
Cani fiutano lo stupefacente, in manette pregiudicato

Salvatore Caruso

Cronaca – Il 33enne Luciano Cocuccio è stato arrestato con l'accusa di detenzione illegale di armi da fuoco clandestine e spaccio di sostanze stupefacenti. Gli investigatori, con l'aiuto dell'unità cinofila, hanno trovato tutto in un appezzamento di terreno in contrada Scannacavoli 

Detenzione illegale di armi da fuoco clandestine, munizionamento, ricettazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Sono queste le accuse che hanno portato all'arresto del 33enne Luciano Cocuccio, pregiudicato già noto agli investigatori.  

Luciano Cocuccio

Nel corso di un'attività info-investigativa che ha interessato i territori di Adrano, Biancavilla e Santa Maria di Licodia, il personale della squadra mobile e del commissariato di polizia di Adrano ha acquisito elementi in merito alle detenzione illegale da parte di Cocuccio di armi da fuoco e stupefacenti di tipo diverso.

Un appezzamento di terreno con caseggiati rurali in contrada Scannacavoli a Santa Maria di Licodia riconducibile all'arrestato è stato perquisito ieri dagli investigatori coadiuvati dall'unità cinofila. I cani antidroga Sky e Vite hanno fiutato la presenza di stupefacenti all'interno di un incavo di uno dei muretti a secco insistenti nella proprietà. Gli investigatori hanno trovato e sequestrato, nascosti in ovuli in plastica contenuti dentro sacchetti in cellophane, circa 50 grammi di cocaina, 13 grammi di marijuana, 150 grammi di hashish, due bilancini di precisione, materiale per il confezionamento e 28 grammi di sostanza da taglio. 

La ricerca effettuata dal cane antiesplosivo Yocco ha fatto ritrovare all'interno di un anfratto di un altro muretto a secco, custoditi in tubi di plastica, due fucili di calibro 12 con matricola abrasa, numerose munizioni per fucile a pistola e un revolver giocattolo calibro 38 privo di tappo rosso. Espletate le formalità di rito, Cocuccio è stato condotto al carcere di Catania di piazza Lanza a disposizione dell’autorità giudiziaria.