Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Santa Maria di Licodia, raccolta differenziata ai minimi storici
Sindaco: «Dati allarmanti e costi elevati, servono più controlli»

Nella cittadina in provincia di Catania, la gestione dei rifiuti ha avuto qualche difficoltà «legata - dice a MeridioNews il responsabile del Comune - al fatto che per un periodo il centro di compostaggio è stato chiuso». Le conseguenze di questo problema si ripercuotono anche sulle casse comunali con una spesa di circa 20mila euro al mese

Salvatore Caruso

Foto di: HJR

Foto di: HJR

La raccolta differenziata nella piccola cittadina licodiese è ai minimi storici. Un problema non di poco conto che costa alle casse comunali circa 20mila euro al mese, quasi il doppio rispetto alla somma che sarebbe da pagare in caso di regolare funzionamento del servizio. Negli ultimi mesi del 2017, la percentuale è stata piuttosto oscillante: dal 30 per cento si è arrivati a toccare anche quote minime del 18 per cento.

«Molto dipende anche dal fatto che, per determinati periodi, il centro di compostaggio è stato chiuso - spiega a MeridioNews Nino Mazzaglia, il responsabile rifiuti del comune licodiese - e, in quei casi, si scarica tutto senza differenziare direttamente in discarica. Questa situazione penalizza il sistema di raccolta e, senza dubbio, ha anche un costo eccessivo per il nostro Comune».

A confermare i numeri negativi della differenziata è lo stesso primo cittadino di Santa Maria di Licodia, Totò Mastroianni. «I dati del mese di dicembre sono allarmanti: abbiamo raggiunto ben 34 tonnellate di indifferenziata con costi assolutamente spropositati per le casse comunali». Per invertire la tendenza, l’amministrazione licodiese ha iniziato una intensa attività di controllo su tutto il territorio comunale, sia per le singole famiglie che per gli esercizi commerciali, prevedendo anche delle sanzioni in caso di errato conferimento dei rifiuti con importi stabiliti in base al tipo di infrazione.

Ad accertare il corretto conferimento dei rifiuti saranno i vigili urbani insieme al personale della ditta che effettua il servizio di raccolta, controllando i sacchetti dell’immondizia lasciata dagli utenti davanti casa. «È nostra intenzione riuscire a raggiungere la soglia del 65-70 per cento sulla raccolta differenziata - afferma il sindaco - in modo da poter accedere all’Ecobonus come previsto dalla legge. Invito la cittadinanza - conclude - ad avere una sensibilità maggiore anche tenendo conto del fatto che da questo momento in poi tutto sarà attenzionato maggiormente con controlli continui e assidui».

Sulla questione, l’assessore ai servizi ecologici Antonino La Delfa afferma che «il sistema di calcolo sul presunto della produzione di rifiuti annuale può essere cambiato abbattendo i costi del compostaggio. Le sanzioni saranno applicate anche alla ditta, qualora gli addetti non provvedano a verificare i rifiuti in modo puntuale e corretto».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×