Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mascali, la terza cava sequestrata in cinque mesi
Indagini ad ampio spettro del Noe dei carabinieri

I sigilli sono scattati per un terreno da 30mila metri quadrati in contrada Nocille, all'interno del quale si trovano una cava, tre impianti non autorizzati e numerosi mezzi da lavoro, per un valore complessivo di circa un milione di euro. E si allungano ombre sull'intero settore delle estrazioni

Marco Militello

Foto di: Google Maps

Foto di: Google Maps

Un'area da 30mila metri quadrati - all'interno della quale si trova una cava di basalto lavico da 10mila metri quadri - è stata posta sotto sequestro oggi. All'interno c'erano tre impianti attivi (uno di frantumazione della roccia, uno per produrre calcestruzzo e un terzo per realizzare e insacchettare azolo) nonostante l'assenza di una specifica autorizzazione per le emissioni in atmosfera. Per giunta in pieno Parco dell'Etna, il cui vincolo paesaggistico è stato istituito nel 1991. Tutto questo accade nel Comune di Mascali, in contrada Nocille, vicino la frazione Montargano, dove i carabinieri del Noe hanno posto i sigilli al terreno di proprietà della Società inerti e calcestruzzi etnei, oltre che 26 mezzi tra escavatori, pale meccaniche, camion di grandi e medie dimensioni, carrelli elevatori e un'autobetoniera. 

Un'azienda che, per altro, vale come minimo un milione di euro. La proprietaria è una 60enne mascalese di cui sono state diffuse soltanto le iniziali, M. C: si ritrova denunciata per un lungo elenco di reati ambientali e di altri connessi al settore minerario. All'arrivo sul posto dei militari, un escavatore e l'impianto di frantumazione si trovavano in funzione. Ma c'è di più. Ci sono delle lunghe ombre che il Noe intende diradare. 

L'operazione di oggi è la terza dello stesso genere a partire da settembre, sempre a Mascali. Una coincidenza a dir poco singolare. Si può considerare normale che imprese di simili dimensioni operino per tutto questo tempo  nella più completa assenza di verifiche o accertamenti? Per di più in un settore così delicato per la tutela dell'ambiente, e così remunerativo? 

Una fonte di MeridioNews conferma che - per quanto il comunicato diffuso poco fa li definisca «accertamenti» - sono tuttora in corso indagini ad ampio spettro. E che, sebbene le tre aree sequestrate appartengano ad imprese e proprietari diversi, potrebbe esserci un denominatore comune, ed è proprio quello che il Nucleo operativo ecologico dei carabinieri sta cercando in questo momento. Un punto di contatto che potrebbe emergere da una situazione che viene definita «di illegalità diffusa», e che - almeno in questa fase - non riguarderebbe la criminalità organizzata. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×