Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Olimpiadi invernali, un catanese tra i 19 tedofori italiani
Il cronista Massimo Arcidiacono: «Un'emozione esclusiva»

Il viaggio della torcia olimpica lungo i 2018 km che la porteranno a Pyeongchang, sede dei Giochi invernali, ha visto in azione anche il caporedattore siciliano della Gazzetta dello Sport. Che descrive a MeridioNews le sue sensazioni: l'organizzazione sudcoreana e la consapevolezza di aver vissuto un'esperienza d'élite

Giorgio Tosto

Foto di: Gazzetta dello Sport

Foto di: Gazzetta dello Sport

«Sono partito dall'Italia prendendo l'impegno in maniera rilassata: una volta arrivato in Corea, però, mi sono subito sentito molto preso. Lì ci sono dei briefing dove ti spiegano in tutto e per tutto cosa devi fare, specificando anche le cose più stupide: tra queste, ad esempio, quella di evitare di mettere la torcia all'ingiù». Massimo Arcidiacono, con il suo racconto, ci riporta ai momenti vissuti prima, durante e dopo i 200 metri percorsi da tedoforo nella città sudcoreana di Yongin. La fiamma olimpica, portata per qualche breve ma intenso minuto, ha ancora molta strada da fare per arrivare a Pyeongchang, la sede dei Giochi olimpici invernali (dal 9 al 25 febbraio): il giornalista nato a Catania, adesso a capo della redazione Altri Mondi per la Gazzetta, ci racconta di come sia arrivato a sfilare in Corea del Sud e il clima che si respira in quella che, nella versione estiva o invernale, resta la kermesse sportiva più importante al mondo.

«L'atmosfera qui è molto particolare - specifica Arcidiacono - diversa dalla nostra: i coreani hanno cambiato totalmente impostazione rispetto al passato, togliendo forse un po' di solennità all'evento. Loro vogliono che i tedofori ballino, parlino, persino giochino con la torcia». Secondo gli organizzatori, poi, il momento in cui i due tedofori si scambiano la fiamma dev'essere particolarmente divertente: «Ho passato il tempo a ingegnarmi - ammette il giornalista di Gazzetta -. Alla fine, al momento del cambio, abbiamo incrociato le torce come fossero due spade laser. Durante il percorso, poi, ho fatto di tutto: ho cantato, ballato, salutato la mia famiglia e l'Italia - ride - pronunciando anche le parole saranghaeyo Korea (Corea, ti amo)». 

Il momento in cui si porta la torcia rimane impresso per sempre. «La popolazione locale - spiega Arcidiacono - ti incita quando entri ed esci dall'autobus che ti porta nel luogo in cui riceverai la fiamma olimpica. Ci si muove tra ali di persone festanti: è un'esperienza unica, arricchita dalla grande organizzazione presente in quel paese. La Samsung (sponsor dei Giochi che per l'Italia ha organizzato il reclutamento dei 19 tedofori) ci ha accolto portandoci a vedere parco, museo e pista automobilistica: tutte di proprietà dell'azienda che, in Corea, è una sorta di stato nello stato». Rimane poi la certezza di essere stato in Estremo Oriente in un momento storicamente particolare. «La mia presenza - ricorda il giornalista catanese - è avvenuta alla vigilia dell'incontro tra le due Coree che ha sancito la partecipazione del Nord all'Olimpiade. Fatto storico, anche se a Seul i coreani non sentono molto la paura del vicino di casa. La distanza tra le due capitali - aggiunge - è di soli 200 km, qui si convive da 65 anni con la divisione. Siamo più noi occidentali a preoccuparci della minaccia nucleare».

Per Massimo Arcidiacono, dunque, rimarrà il ricordo e l'emozione di aver partecipato a un evento irripetibile, con diciannove compagni di viaggio speciali. Tra i tedofori italiani, infatti, spiccano i nomi del lottatore di origine cubana Frank Chamizo, due volte campione mondiale ed europeo, dell'atleta paraolimpica Giusy Versace, della ciclista Paola Gianotti: del gruppo fanno parte anche il viaggiatore estremo Danilo Callegari e Vittorio Brandi, unico ad aver avuto l'onore di portare la fiaccola olimpica anche a Londra 2012. Un'esperienza che ha lasciato nel cronista catanese la consapevolezza di come ogni viaggio nasconda sorprese. «I coreani -  racconta - prevedono tutto, sono maestri nell'organizzazione: vanno in difficoltà però nella gestione dell'imprevisto. Al contrario nostro che, invece, diamo spesso il meglio nell'emergenza. Seul poi - conclude Arcidiacono - è una città occidentalizzata, anche se non sapevo che la Corea fosse un paese per buona parte cristiano: in mezzo ai grattacieli ci sono molte chiese, con grandi croci illuminate, bianche o rosse. Anche la religiosità lì è vissuta in maniera differente».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×