Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Centro Zo, l'Immacolata concezione in un bordello
L'originalità della storia e l'innovazione della regia

La pièce di Vuccirìa Teatro è andata in scena sabato e domenica nella struttura di piazzale Rocco Chinnici. Pochi attori che danno vita a un turbinio di personaggi e situazioni, riuscendo a ricreare su un palco - altrimenti spoglio - l'intera comunità di un paese siculo. In cui una figlia può essere barattata per una capra

Andrea Tisano

Odore d'incenso e mandarini: è l'odore di Concetta, vergine prostituta. Con Immacolata concezione, la compagnia Vucciria Teatro porta in scena una storia che gioca sul paradosso per interrogarsi sui misteri dell'amore e del corpo, sul labile confine tra purezza e contaminazione, tra fertilità e morte, tra autenticità e artificio. Sullo sfondo storico della Sicilia fascista – quando l'ideologia della forza sta per inondare di guerra il mondo – si snoda la vicenda. Un pastore caduto in disgrazia (Joele Anastasi) si vede costretto a barattare per una capra gravida la figlia Concetta (Federica Carruba Toscano), e cede la ragazza a Donna Anna (lo stesso Anastasi, trasformatosi in scena), la maîtresse locale.

Concetta diventa quindi una signorina, e in breve tempo la più ambita del bordello. Eppure è ancora una ragazza semplice, ingenua, quasi un buon selvaggio, e le sue colleghe invidiose non riescono a capire cosa faccia Concetta agli uomini. Eppure il signorotto del paese (Enrico Sortino), il prete (Ivano Picciallo), il giovane malandrino (Alessandro Lui), il fruttivendolo e il barbiere, tutti fanno la fila per avere un'ora con lei. L'amore di Concetta è misterioso quanto un sacramento. Assisa su un baldacchino mobile (che coi suoi tendaggi ora svela e ora nasconde, trovata scenica che dà dinamismo a un palco altrimenti spoglio), letto e tabernacolo, Concetta somministra agli uomini – inconsapevole, e proprio perché inconsapevole – la salvezza. Tutti sono uguali tra le braccia di Concetta, gli oppressi e gli oppressori, i timorati di Dio e i violenti: tutti liberi dall'artificio della società. Ma, pur senza uscire dalla sua spontanea ingenuità, Concetta concepirà un figlio, e lo concepirà immacolata. Senza piegarsi alle pretese che il Potere e la Fede hanno su di lei, ma seguendo solo la via dell'Amore, Concetta guadagnerà la santità.

Cinque attori, una miriade di personaggi. Della scarsità programmatica di mezzi tecnici la compagnia fa la sua arma, e i cinque, con repentini cambi d'abito, riescono a portare in vita l'intera comunità del paese siculo. Un ruotare di manichini, il battito dei ventagli, lo sfarfallio dei quotidiani, sono i pochi elementi di scena che dànno un ritmo incalzante a brillanti scene corali, credibili nonostante il coro sia composto da non più di quattro membri. E brillanti anche gli a parte, un ibrido di duetto e monologo, in cui pur nella concisione dell'antilabé il drammaturgo ha operato uno scavo nella psiche delle sue creature, per dare spessore ai personaggi che si affannano intorno a Concetta.

Un teatro, quello di Vucciria, che basa le sue invenzioni registiche sul corpo dell'attore: basta un gesto, un fischio, una casta nudità per evocare l'idillio di uno stato di natura, per vagheggiare una fuga dalla società e dalla storia. E sul poetico vagheggiamento di una umanità rinnovata nella bestialità, si chiude la scena. Ma resta l'odore d'incenso e mandarini – della carne pura che genera la vita. Lo spettacolo, andato in scena al centro Zo di piazzale Rocco Chinnici sabato e domenica, tornerà sul palco a marzo: stavolta a Torino.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×